Non è stata la partita spumeggiante che ci si poteva attendere, soprattutto per colpa di un forte vento che ha spirato dall'inizio fino alla fine, con l'agonismo che ha prevalso sulla tecnica, ma alla fine i presenti al Superga non si sono di certo annoiati. Partita segnata dagli episodi, come il rigore con espulsione di Martinelli nel primo tempo, la sostituzione forzata di Visone prima, in odore di secondo giallo, e di Scacchetti poi, purtroppo infortunio al ginocchio, sono state le svolte dell'incontro. Alla fine il pari è giusto, con la capolista che ha messo in campo un gran carattere giocando per più di un'ora in infeririorità numerica a la Vis Artena che si morde le mani per non aver saputo gestire meglio il vantaggio sia nel risultato che numerico in campo.

CITTA' DI CIAMPINO : sostanzialmente la squadra di mister Mancinelli ha fatto una buona partita, partita contratta è riuscita a pareggiare in inferiorità numerica sfiorando anche il gol del vantaggio. A dare la scossa decisiva sono state le accellerazioni di Pedrocchi, che ha procurato il rigore del pari e tenuto in apprensione cstante la retroguardia avversaria. Bene anche Panella, che in pratica ha tenuto nel finale il centrocampo da solo terminando la partita letteralmente esausto, tanta grinta e sostanza nella prestazione di Citro mentre, entrato a freddo, anche Casciotti non ha demeritato in difesa.

VIS ARTENA : la squadra di mister Liberti ha ottime individualità e doveva provare a cercare la rete del raddoppio. Può recriminare però sull'aver perso Scacchetti per infortunio che fino a quel momento era un pericolo costante. Molto bene il portiere Adinolfi, autore di un ottimo intervento nella ripresa su Panella ma soprattutto di alcune determinanti uscite con i piedi che jhanno scongiurato gravi pericoli. A sprazzi ma comunque sufficiente la prestazione di Monaco di Monaco, mentre da sottolineare la partita di grande sostanza del classe '98 Coppola in mezzo al campo.

Alessandro Cipolla

E' meno amaro dei precedenti cinque il sesto pareggio consecutivo della capolista Città di Ciampino. Al Superga infatti alla fine finisce 1-1 il big match della ventiduesima giornata tra gli aeroportuali e la Vis Artena, con entrambe le squadre che possono recriminare per un motivo o per un altro. Si accontenta del pari il Ciampino, che al 19' si è ritrovato sotto di una rete e con un uomo in meno, che con un secondo tempo tutto cuore riesce a recuperare il risultato, provando anche a vincerla nelle battute finali. La Vis Artena deve comunque recitare il mea culpa, per non aver saputo amministrare la partita che si era messa in discesa e per non aver provato a chiuderla. Alla fine tutto sommato il pari è giusto, con la partita fortemente condizionata dal vento e gli aeroportuali che addirittura allungano sull'Anzio, sconfitto in quel di Pomezia.

Moduli speculari e tanta qualità in campo con entrambi i tecnici che si affidano ad elastici 4-2-3-1. Davanti al portiere Peri il Ciampino riadatta ancora Moisa come terzino sinistro, con Tamburlani sistemato sull'out opposto e Martinelli e Carnevali centrali. Duo di centrocampo formato da Citro e Panella, mentre è a Grelloni, Macciocca e Pedrocchi che viene affidato il compito di assistere il centravanti Tornatore. Risponde la Vis Artena con Adinolfi tra i pali e linea difensiva formata da Proia a destra, Kanku a sinistra e Pizzuti e Pucello centrali. Il giovane Coppola e l'esperto Visone sono i due centrocampisti, con ad agire come trequartisti dietro l'unica punta Scacchetti ci sono Botti, Monaco di Monaco e Valentino.

Prime battute di gioco senza grossi sussulti e giocate prevalentemente a centrocampo. I ritmi sono alti e il pressing alto, così non mancano errori di impostazione ed il gioco risulta frammentato. Il primo sussulto è di marca locale con Carnevali che scucchiaia perfettamente verso Tornatore in area, con il centravanti che però si fa rimontare dalla retroguardia avversaria. Al '19 poi uno degli episodi fondamentali dell'incontro : Scacchetti si avventa su un lancio proveniente dalle retrovie e ruba il tempo in area a Martinelli che lo stende, rigore giusto espulsione un pò più dubbia. Sul dischetto si presenta lo stesso Scacchetti che non sbaglia. Mister Mancinelli allora toglie un mezza punta come Mazzocca  per inserire un centrale di difesa come Casciotti, passando di fatto al 4-4-1. Nonostante lo stravolgimento del risultato e delle forze in campo il canovaccio non cambia, con l'unica conclusione verso lo specchio della porte ad opera ancora di Scacchetti che calcia bene dai venti metri ma la palla termina di poco alta sopra la traversa.

Secondo tempo che inizia con un brutto infortunio che capita al centravanti ospite Scacchetti, che è costretto ad uscire per problemi ad un ginocchio. La Vis Artena allora mette in campo Castellano e si sistema col 4-4-2 mentre anche il Ciampino cambia con il più offensivo Lalli che subentra a Citro, con gli aeroportuali che passano ad un offensivo 4-1-3-2 col solo instancabile Panella a tenere da solo il centrocampo locale. Un altro infortunio costringe il mister ospite Liberti a sostituire Proia che finora aveva controllato egregiamente il temibile Pedrocchi, dirottando a destra Kanku. Ma proprio su quella fascia nasce l'azione del pareggio del Ciampino al 68', con Pedrocchi che mette il turbo e penetra in area venendo steso da Kanku. Calcio di rigore che bomber Tornatore non sbaglia. La partita tornata in parità si fa più bella, con entrambe le squadre che si allungano e provano a vincerla. Al 72' è Panella a provarci con un forte tiro su una mischia in area avversaria ma Adinolfi risponde alla grande. Vis Artena che comunque è pericolosa in contropiede, come al 76' quando Castellano lancia il neo entrato Romagnoli, che è bravo a rientrare sul destro ma il suo tiro fa la barba al palo. Al 88' occasionissima per il Ciampino, che colpisce il palo interno con Carnevali direttamente da calcio d'angolo, ma poi rischia ancora in contropiede con Monaco di Monaco che questa volta non sfrutta una ripartenza in pieno recupero. Alla fine il triplice fischio finale mette fine alla battaglia, con il pari giusto che accontenta abbastanza entrambe le squadre.

Alessandro Cipolla

CITTA' DI CIMAPINO : Peri; Moisa, Tamburlani, Martinelli, Carnevali; Citro (19'st Lalli), Panella; Grelloni (33'st Turmalaj), Macciocca (19'pt Casciotti), Pedrocchi; Tornatore. A disp. : Ferendeles, Asci, Valentini, D'Avino. All. Mancinelli

VIS ARTENA : Adinolfi; Proia (19'st Longo), Kanku, Pizzuti, Pucello; Coppola, Visone (5'st Castellano); Botti, Monaco di Monaco, Valentino; Scacchetti (11'st Romagnoli). A disp. : Ceccucci, Screti, Marinucci, Frascogna. All. Liberti.

ARBITRO : Gobbato di Latisana

MARCATORI : 19'pt rig. Scacchetti (Va), 23'st rig. Tornatore (Cc)

NOTE : espulso al 17'pt Martinelli (Cc) per fallo da ultimo uomo. Ammoniti Panella, Visone, Kanku, Castellano, Valentino

 

Essere felici a metà. E' la situazione in cui si è ritrovato bomber Michele Simoncelli. L'attaccante del Castelfidardo con un eurogol, domenica scorsa, ha deciso il match di Rieti a favore dei fidardensi. Una rete bella e pesante ma Simoncelli sarà assente nella gara di ritorno. «Sono sicuramente felice per il gol realizzato, ma allo stesso tempo sono anche molto deluso -ammette l’attaccante biancoverde- infatti sono stato ammonito solo perché ho festeggiato sotto la curva dei nostri tifosi. Non mi sono tolta la maglia, quindi essere ammoniti solo per un'eccessiva esultanza mi sembra alquanto esagerato. Essendo diffidato, per colpa di questo cartellino giallo dovrò vedere la gara di ritorno in tribuna. Mi dispiace perché arrivati a questo punto ci tenevo molto a giocare una partita così importante e dare una mano ai miei compagni. Me ne dovrò fare una ragione». Tuttavia la soddisfazione per aver realizzato una rete così importante rimane. E' proprio l'attaccante di mister Mobili a raccontare nel dettaglio l'azione: «Ho ricevuto palla da capitan Fermani tra le due linee, poi sono avanzato. Quando mi sono trovato a circa 25 metri dalla porta ho capito che potevo tirare e ho calciato. Quando il pallone si è insaccato in rete sono esploso manifestando tutta la mia felicità sotto la curva dei nostri tifosi. Veramente un gran gol che ci ha permesso di vincere su un campo difficilissimo contro una grande squadra. Se avessimo fatto qualche rete in più forse avremmo potuto chiudere già la pratica a Rieti».

Simoncelli non sarà il solo a mancare nella sfida di ritorno domenica al "Mancini". Oltre a Donzelli, già squalificato, sono da monitorare le condizioni di Belelli non al top, che potrebbe andare in panchina: «E' un vero peccato mancare ad un appuntamento così importante -aggiunge Simoncelli- ma i nostri compagni saranno stimolati ancora di più a fare bene. Mancando tre possibili titolari so che gli altri daranno il massimo anche per noi che non potremmo essere in campo. Speriamo solo che non sia troppo caldo come a Rieti. Purtroppo i ritmi si abbassano e anche la bellezza della partita ne può risentire pesantemente». Infine un invito a tutti i tifosi biancoverdi: «Ringrazio i nostri tifosi perché ci sono stati sempre vicini nell'arco di tutto il campionato -conclude Simoncelli- e domenica spero che lo stadio sia veramente stracolmo, per poter festeggiare tutti insieme un traguardo così importante per questa città». 

Fonte: Il Messaggero

La Lega Nazionale Dilettanti ha reso note le graduatorie di ammissione al campionato d'Eccellenza 2014/2015 in caso di vacanza di posti. Di seguito l'elenco delle squadre che potrebbero partecipare alla massima serie regionale il prossimo anno:

A.S.D. CRE.CAS. CITTA DI PALOMBARA

Società vincente la Coppa Italia cat. Promozione

2 A.S.D.N. ITRI

Società di Promozione posizionata al 1° posto della classifica ottenuta al termine delle gare

riservate alle Società 2ª e 3ª classificate nei rispettivi gironi del Campionato di Promozione

2013/2014

3 A.S.D. CITTA’ DI FIUMICINO

Società di Promozione posizionata al 1° posto della classifica ottenuta al termine delle gare

riservate alle Società 2ª e 3ª classificate nei rispettivi gironi del Campionato di Promozione

2013/2014

4 A.S.D. MONTE S.GIOVANNI CAMPANO

Società di Eccellenza perdente i play-out disputati al termine della stag.sport.2013/2014,

con la seconda migliore posizione di classifica

5 A.S.D. ALMAS ROMA SRL

Società di Promozione posizionata al 4° posto della classifica ottenuta al termine delle gare

riservate alle Società 2ª e 3ª classificate nei rispettivi gironi del Campionato di Promozione

2013/2014

6 A.S.D. CITTA’ DI MINTURNOMARINA

Società di Promozione posizionata al 4° posto della classifica ottenuta al termine delle gare

riservate alle Società 2ª e 3ª classificate nei rispettivi gironi del Campionato di Promozione

2013/2014

7 A.S.D. MONTEROTONDO CALCIO

Società di Eccellenza perdente i play-out disputati al termine della stag.sport.2013/2014, con la seconda migliore posizione di classifica

8 A.C.D. GUIDONIA MONTECELIO

Società di Promozione perdente la finale per l’assegnazione della Coppa Italia di Promozione

2013/2014

9 A.S.D. CECCANO

Società di Eccellenza perdente i play-out disputati al termine della stag.sport.2013/2014,con la terza migliore posizione di classifica

10 U.S.D. CITTA DI MONTEROTONDO

Società di Eccellenza perdente i play-out disputati al termine della stag.sport.2013/2014, con la quarta migliore posizione di classifica

Dopo una stagione calcistica condotta ad alti livelli è mancata alla Prima Squadra dell'Albalonga ciò che il suo Ds Giorgio Tomei definisce "la ciliegina sulla torta". Il dolce era stato preparato con cura e nei minimi dettagli, sfornato al momento giusto quando si è trattato di raggiungere i play off di Eccellenza, peccato solo che ci ha pensato il Castelfidardo a spegnere le candeline sopra alla tanto attesa scritta "Serie D". Un traguardo che avrebbe potuto controbilanciare un'annata non troppo felice per il settore giovanile della stessa società, anche se il rammarico è minimo visto e considerato che "i ragazzi hanno dato il loro meglio", sempre a detta del loro Direttore Sportivo. Abbiamo dunque contattato Giorgio Tomei per farci raccontare da lui quei momenti di speranza e quelli attuali dove traspare una completa fiducia per il futuro della società.


Buonasera sig.Tomei, domenica scorsa siete stati eliminati dal Castelfidardo nei play-off di Eccellenza. E' stato un risultato giusto per lei?
"Sapevamo che sarebbe passato la squadra che avrebbe avuto più episodi favorevoli dalla sua parte e purtroppo quella squadra non siamo stati noi. Nell'arco dei 180 minuti il Castelfidardo ha avuto poca più fortuna rispetto a noi e a malincuore abbiamo accettato questo risultato, anche se abbiamo colpito una traversa e avuto qualche occasione in più per segnare rispetto a loro. All'andata siamo stati non troppo brillanti, mentre nella gara di ritorno abbiamo giocato meglio anche se alla fine dei conti non è bastato".


Ed ora il Castelfidardo scontrerà il Rieti in finale. Chi vede come favorito?
"Il Rieti, ha decisamente un organico più importante e lo ha dimostrato apertamente durante l'arco della stagione. Anche se sappiamo che in due partite può succedere veramente di tutto".


Dunque il prossimo anno sarà nuovamente Eccellenza per voi. Cosa c'è da cambiare secondo lei per arrivare a centrare l'obiettivo della Serie D?
"Non penso che bisogni cambiare qualcosa, io sono molto soddisfatto del lavoro svolto da tutti i giocatori e dalla dedizione che ci hanno messo i vari preparatori. Certamente riproveremo a raggiungere ciò che non siamo riusciti ad ottenere quest'anno".


Come e in quali reparti vi rinforzerete in estate?
"Diciamo che questa settimana ce la prenderemo di relax in tutto l'ambiente per fare mente chiara su dove e quando muoverci nel calciomercato. D'altronde siamo ai primi di giugno e dunque non c'è fretta. Sicuramente posso confermare il fatto che non ci sarà una completa trasformazione della squadra perché riteniamo l'ossatura della stessa ottima. Ci sarà qualche rinforzo anche se non possiamo preannunciare nomi perché sarebbe irrispettoso nei confronti dei tesserati che hanno dato il massimo in questa stagione".


Pensa che il Colleferro rimarrà il principale avversario da battere nell'anno che verrà?
"Molto difficile a dirlo, anche perché non so come si stanno muovendo le altre società in questo momento. Noi pensiamo intanto all'Albalonga, il resto è relativo".


Ve lo aspettavate il risultato del secondo posto in campionato?
"Assolutamente no, non ce lo aspettavamo. Quattro, cinque mesi fa nessuno avrebbe mai pensato che saremmo potuti arrivare secondi in classifica".


Per quanto riguarda il settore giovanile, invece, non è stata questa un'ottima annata per l'Albalonga che ha patito qualche dispiacere di troppo, non è vero?
"Sì nel settore giovanile abbiamo perso qualche categoria anche se il Presidente è molto convinto in una reazione immediata sin dal prossimo anno. A breve verranno ufficializzati i nuovi responsabili del settore giovanile e vi posso garantire che si aprirà un nuovo ciclo. Mi auguro che ci sia una rinascita completa per questa società".


Quali saranno i progetti futuri in casa Albalonga?
"Per quanto riguarda la Prima Squadra ci sarà poco da modificare; il Presidente, che è una persona serissima, è molto attaccato ad essa ed infatti siamo orgogliosi di essere fra le squadre che non hanno problemi nell'iscrizione alla categoria, e di questi tempi non è affatto semplice. Per questo infatti l'Albalonga rimane una delle società più solide nel panorama calcistico del Lazio".


Gianluca Fiume

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it