PROMOZIONE, GIRONE C: L'Unipomezia torna a sorridere. Ritrova la gioia della vittoria, imponendosi per 0-2 sul campo di un Pro Roma sempre più in crisi.

 

Dal nostro inviato

 

Andrea Marchettini

 

Dopo due sconfitte e un pareggio, l'Unipomezia di Mancini torna a vincere in campionato, e lo fa rifilando un gol per tempo al Pro Roma di Pascucci, che non riesce più a far bottino pieno e si ritrova a dover fare i conti con un solo obbiettivo, che si chiama salvezza.

 

Mister Pascucci manda in campo l'oramai titolare indiscusso, Bartozzi, tra i pali. Bertinelli, Cesaretti, Aliberti e Albanese si muovono davanti all'estremo difensore. A centrocampo , le manovre sono affidate a Palmigiani, Talone, Svezia e Sorrentino. Sola e Santini formano la coppia d'attacco.

 

Mister Mancini risponde con un 4-2-3-1 con Santi in porta. I quattro di difesa sono Busti, Anselmi, De Santis e Chirico. Borshin e Pestrin sono i due mediani di centrocampo. Gionny, Cerro e Barbarisi si muovono dietro l'unica punta: Morelli.

 

Il Pro Roma parte col piglio giusto, dopo appena due minuti Sola e Santini combinano bene ma il tiro del numero nove termina di poco fuori. I padroni di casa concedono poco e niente, nella prima metà di frazione, e cercano di gestire il possesso palla. Al 19' Sola è bravo a rimediare un calcio di punizione dal limite dell'area, ma la conclusione dello specialista Palmigiani si schianta contro il palo. Al 22' c'è la grande occasione anche per l'Unipomezia: Morelli fa a sportellate con la difesa avversaria ma al momento di concludere, dà poco potenza al tiro che trova l'opposizione di Bartozzi. La risposta giallorossa non si fa attendere, al 24' una splendida azione di prima porta Santini al tiro ma la risposta di Santi (che salva in angolo) è superlativa. Al 34' però arriva l'episodio decisivo: punizione dai venti metri in favore degli ospiti. Sulla battuta Borshi disegna un perfetto arcobaleno che Bartozzi può solo ammirare mentre entra in rete. Agli sgoccioli del primo tempo altra punizione per l'Unipomezia; questa volta la batte Anselmi e il pallone colpisce in pieno il palo, strozzando l'urlo di gioia dei numerosi tifosi presenti sugli spalti. La prima frazione si conclude sul risultato di 0-1 nonostante il sostanziale equilibrio, anche sul numero delle occasioni.

 

Nella ripresa il primo guizzo è degli ospiti, con Barbarisi che lascia partire un potentissimo tiro dai trenta metri che Bartozzi è costretto a bloccare in due tempi. Al 9' il tiro-cross di Pestrin sfiora il palo alla destra del portiere. Al 12' il Pro Roma resta in dieci uomini, complice la doppia ammonizione ai danni di Sola. Episodio che si rivelerà decisivo; i giallorossi infatti accusano l'inferiorità numerica e lasciano le redini del gioco in mano agli avversari. Al 28' Bartozzi salva sul bel tiro di Gionny ma non può niente al 39', quando Lupi penetra in area di rigore e incrocia rasoterra col destro. Negli ultimi cinque minuti la squadra di Mancini conserva il risultato, con un giro-palla che evidenzia tutte le qualità tecniche dell'Unipomezia, oltre che l'uomo in più. Termina 0-2 per i biancorossi che escono dal momento buio e ritrovano i tre punti. Il Pro Roma di Pascucci rimane fermo a diciannove punti.

 

Andrea Marchettini

 

PRO ROMA – UNIPOMEZIA VIRTUS 0-2

 

PRO ROMA: Bartozzi; Bartinelli, Albanese, Cesaretti, Aliberti (20'pt Colapietro); Talone, Svezia (19'st Corigliano), Palmigiani, Sorrentino; Sola, Santini. A disp: Generoso, Zappavigna, Moscarelli, Persia, Ruggieri. All.: Pascucci

 

UNIPOMEZIA VIRTUS: Santi; Busti, Chirico, Anselmi, De Santis; Borshi (40'st La Forgia), Gionny, (29'st Zamparini) Pestrini, Cerro, Barbarisi; Morelli (20'st Lupi). A disp: Scalibestri, Martino, Gulino, Mazzarini. All.: Mancini

 

ARBITRO: Romaniello di Napoli

 

ASS.1: Caprari di Roma 1

 

ASS.2: Starnini di Viterbo

 

MARCATORI: 34'pt Borshi, 39'st Lupi

 

AMMONITI: Borshi (U), Pestrin (U), Albanese (PR), Sorrentino (PR), Aliberti (PR), Lupi (U)

 

ESPULSI: 12'st Sola (PR) per doppia ammonizione

 

PROMOZIONE, GIRONE C: L'Unipomezia torna a sorridere. Ritrova la gioia della vittoria, imponendosi per 0-2 sul campo di un Pro Roma sempre più in crisi.

 

Dal nostro inviato

 

Andrea Marchettini

 

Dopo due sconfitte e un pareggio, l'Unipomezia di Mancini torna a vincere in campionato, e lo fa rifilando un gol per tempo al Pro Roma di Pascucci, che non riesce più a far bottino pieno e si ritrova a dover fare i conti con un solo obbiettivo, che si chiama salvezza.

 

Mister Pascucci manda in campo l'oramai titolare indiscusso, Bartozzi, tra i pali. Bertinelli, Cesaretti, Aliberti e Albanese si muovono davanti all'estremo difensore. A centrocampo , le manovre sono affidate a Palmigiani, Talone, Svezia e Sorrentino. Sola e Santini formano la coppia d'attacco.

 

Mister Mancini risponde con un 4-2-3-1 con Santi in porta. I quattro di difesa sono Busti, Anselmi, De Santis e Chirico. Borshin e Pestrin sono i due mediani di centrocampo. Gionny, Cerro e Barbarisi si muovono dietro l'unica punta: Morelli.

 

Il Pro Roma parte col piglio giusto, dopo appena due minuti Sola e Santini combinano bene ma il tiro del numero nove termina di poco fuori. I padroni di casa concedono poco e niente, nella prima metà di frazione, e cercano di gestire il possesso palla. Al 19' Sola è bravo a rimediare un calcio di punizione dal limite dell'area, ma la conclusione dello specialista Palmigiani si schianta contro il palo. Al 22' c'è la grande occasione anche per l'Unipomezia: Morelli fa a sportellate con la difesa avversaria ma al momento di concludere, dà poco potenza al tiro che trova l'opposizione di Bartozzi. La risposta giallorossa non si fa attendere, al 24' una splendida azione di prima porta Santini al tiro ma la risposta di Santi (che salva in angolo) è superlativa. Al 34' però arriva l'episodio decisivo: punizione dai venti metri in favore degli ospiti. Sulla battuta Borshi disegna un perfetto arcobaleno che Bartozzi può solo ammirare mentre entra in rete. Agli sgoccioli del primo tempo altra punizione per l'Unipomezia; questa volta la batte Anselmi e il pallone colpisce in pieno il palo, strozzando l'urlo di gioia dei numerosi tifosi presenti sugli spalti. La prima frazione si conclude sul risultato di 0-1 nonostante il sostanziale equilibrio, anche sul numero delle occasioni.

 

Nella ripresa il primo guizzo è degli ospiti, con Barbarisi che lascia partire un potentissimo tiro dai trenta metri che Bartozzi è costretto a bloccare in due tempi. Al 9' il tiro-cross di Pestrin sfiora il palo alla destra del portiere. Al 12' il Pro Roma resta in dieci uomini, complice la doppia ammonizione ai danni di Sola. Episodio che si rivelerà decisivo; i giallorossi infatti accusano l'inferiorità numerica e lasciano le redini del gioco in mano agli avversari. Al 28' Bartozzi salva sul bel tiro di Gionny ma non può niente al 39', quando Lupi penetra in area di rigore e incrocia rasoterra col destro. Negli ultimi cinque minuti la squadra di Mancini conserva il risultato, con un giro-palla che evidenzia tutte le qualità tecniche dell'Unipomezia, oltre che l'uomo in più. Termina 0-2 per i biancorossi che escono dal momento buio e ritrovano i tre punti. Il Pro Roma di Pascucci rimane fermo a diciannove punti.

 

Andrea Marchettini

 

PRO ROMA – UNIPOMEZIA VIRTUS 0-2

 

PRO ROMA: Bartozzi; Bartinelli, Albanese, Cesaretti, Aliberti (20'pt Colapietro); Talone, Svezia (19'st Corigliano), Palmigiani, Sorrentino; Sola, Santini. A disp: Generoso, Zappavigna, Moscarelli, Persia, Ruggieri. All.: Pascucci

 

UNIPOMEZIA VIRTUS: Santi; Busti, Chirico, Anselmi, De Santis; Borshi (40'st La Forgia), Gionny, (29'st Zamparini) Pestrini, Cerro, Barbarisi; Morelli (20'st Lupi). A disp: Scalibestri, Martino, Gulino, Mazzarini. All.: Mancini

 

ARBITRO: Romaniello di Napoli

 

ASS.1: Caprari di Roma 1

 

ASS.2: Starnini di Viterbo

 

MARCATORI: 34'pt Borshi, 39'st Lupi

 

AMMONITI: Borshi (U), Pestrin (U), Albanese (PR), Sorrentino (PR), Aliberti (PR), Lupi (U)

 

ESPULSI: 12'st Sola (PR) per doppia ammonizione

 

La Lega Nazionale Dilettanti ha reso note le graduatorie di ammissione al campionato di Promozione 2014/2015 in caso di vacanza di posti:

 

1. GS VIGILI URBANI

 

2. ASD P.VIGOR PERCONTI

 

3. ASD FORTITUDO CALCIO ROMA

 

4. ASD VI.VA CALCIO

 

5. ASD ROCCA PRIORA CALCIO

 

6. GS DILETTANTI FALASCHE

 

7. USD CASTELNUOVESE CALCIO

 

8. POL.D.CANTALICE

 

9. APD PRIVERNO LEPINI

 

ASD DINAMO COLLI

 

11. SSD FOOTBALL RIANO

 

12. ASD ANGUILLARA

 

13. ASD PONTINIA

 

14. ASD OSTIANTICA CALCIO

 

15. ASD ACES CASAL BARRIERA

 

16. ASD CALCIO SABAUDIA

 

17. ASD ROMA VIII

 

18. ASD CSL SOCCER

 

19. FIUMICINO CALCIO

 

20. ASD SANVITESE

 

21. SCS.D. CASTELVERDE

 

22. ASD FRASCATI

 

23. ASD F.C. MONTENERO

 

24. ASD PODIUM

 

CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO COMPLETO

 

PROMOZIONE, GIRONE C: Il Real Colosseum non sbaglia la prima del 2016 e batte la Vigor Perconti con un secco 3-0. Decidono i gol di Rubino, Scerratti e l'autogol di Di Palo.

 

Dal nostro inviato

 

Andrea Marchettini

 

Nonostante lo schiacciante risultato, è una partita equilibrata quella che va in scena tra Real Colosseum e Vigor Perconti; o almeno per la prima ora di gioco, fino a quando gli ospiti perdono la testa, complice una direzione arbitrale alquanto discutibile.

 

Mister Bellei manda in campo un 4-2-3-1 con Ferronetti tra i pali; in difesa ci sono Papili, Commentucci, Scottodi e Materazzi. Rubino e Beufalino gestiscono le manovre nella zona nevralgica del campo. Scerratti, Rocchi e Brasiello si muovono alle spalle dell'unica punta Pangrazi.

 

Il modulo tattico di mister Bellinati è un 4-5-1 che all'occorrenza diventa un 4-3-3. In porta cè Corso; Borgia, Pasqui, Di Paolo e Di Vittorio compongono la linea di difesa. De Angelis, Rante e Guarnieri giocano guidano il centrocampo. Micelli e Campanella sono i due esterni alti dietro il centravanti Rossi.

 

Bisogna aspettare dieci minuti per assistere al primo tiro in porta della partita, quando Scerratti ci prova su calcio di punizione con un potente destro, che però è troppo centrale per dar fastidio a Corso. Al 14' tenta la conclusione Pangrazi, ma il portiere blaugrana si distende e blocca. Al 21' ancora Pangrazi, al termine di un azione corale della sua squadra, calcia con l'esterno destro sfiorando la traversa. Al 26' è la Vigor a rendersi pericolosa sull'asse Rante-Campanella ma il tiro del numero sette viene intercettato da Ferronetti. Al 33' Guarnieri imbeccato in area di rigore, spara alto da posizione ravvicinata. Al 40', quando il primo tempo sembra destinato a chiudersi sul risultato di 0-0, arriva il gol bellissimo dei padroni di casa che costruiscono un'azione tutta di prima che si conclude con la sponda di testa di Pangrazi per Rubino che incrocia bene e firma l' 1-0.

 

Nella ripresa la Vigor Perconti scende con una carica maggiore ma deve fare i conti con Ferronetti, che al 6' si supera con un doppio intervento prima sulla punizione di Rante e poi sulla ribattuta di De Angelis. Al 10' Pasqui rischia grosso, facendosi rubare il pallone in difesa da Pangrazi che però arrivato davanti la porta si fa ipnotizzare da Corso. Il Real Colosseum si difende bene e riparte, mentra la Vigor, pur costruendo manovre offensive, non trova mai il tocco vincente. Al 24' arriva il raddoppio del Real: Pangrazi colpisce la traversa con un potente tiro da fuori; l'azione continua, Parini raccoglie il pallone e crossa in mezzo dove trova lo sfortunato tocco di Di Paolo. La partita si innervosisce dopo il mancato secondo giallo a Rubino per tocco di mano e il Real Colosseum prende il sopravvento; nel finale al 43' arriva anche la gioia del gol per Scerratti che sigla il 3-0 e chiude il match.

 

Andrea Marchettini

 

REAL COLOSSEUM – VIGOR PERCONTI 3-0

 

REAL COLOSSEUM: Ferronetti; Papili, Materazzi, Commentucci, Scottodi (36'st Pennazzi); Rubino, Bufalini; Brasiello, Rocchi (19'st Parini), Scerratti; Pangrazi (31'st Cervini). A disp: Rampi, Spuntarelli, Montecchiori, Babbucci. All.: Bellei

 

VIGOR PERCONTI: Corso; Borgia, Pasqui, Di Paolo, Di Vittorio (28'st Perozzi); Rante, De Angelis, Guarnieri (28'st Perfili); Micelli, Campanella (11'st Marini L.), Rossi. A disp: Pedulla, D'Amore, Marini V. All.: Bellinati

 

ARBITRO: Velocci di Frosinone

 

ASS.1: Amici di Ciampino

 

ASS.2: Gianfrisco di Ciampino

 

MARCATORI: 40'pt Rubino, 24'st aut. Di Paolo, 45'st Scerratti

 

AMMONITI: Ferronetti (RC), Papili (RC), Materazzi (RC), Rubino (RC), Brasiello (RC); Marini L.(VP)

 

Una storica promozione nel massimo campionato regionale inorgoglisce l'intera Città di Fiumicino, "sia la società calcistica che la stessa città" come dichiara il Presidente della squadra aeroportuale Massimo Chierchia. Un vero e proprio sogno diventato realtà grazie ad un'annata fantastica che ha fatto letteralmente decollare la squadra di Fiumicino dopo che mister Scudieri ha costruito le apposite ali con cura e pazienza. "Verrà riconfermatissimo" dice lo stesso Presidente Chierchia che ha già in cantiere altri progetti societari importanti che per ora ci limita solamente ad accennare. Queste sono state le sue parole rilasciate alla nostra redazione:


Buonasera Presidente, domenica al Bartolani di Cisterna la Prima Squadra è stata promossa in Eccellenza. Si tratta di una storica promozione oltre alla gioia del momento.
"Sì, si tratta della nostra prima promozione e l'euforia del momento è stata fantastica, una gioia immensa. Noi siamo diversi dal Fiumicino storico e da tre anni rappresentiamo questa città con questo nuovo nome che ci tiene a rilanciare una comunità intera, a renderla partecipe dei nostri successi, e a integrarla calcisticamente. Questo obiettivo dell'Eccellenza da poco raggiunto è un motivo d'orgoglio per tutti quanti noi".


Per quanto riguarda il vostro avversario, il Città di Minturno Marina, crede che meriti anch'esso la promozione in Eccellenza per il valore che avete visto in campo?
"Credo sinceramente che sia una buona squadra, come del resto lo è il Montespaccato che abbiamo affrontato precedentemente; d'altronde si sono qualificate seconda e terza nei loro rispettivi gironi. Credo comunque che il Città di Minturno Marina salirà in Eccellenza o contro l'Almas o per via dei ripescaggi se dovesse salire in Serie D il Rieti".


Ora ci sarà la finale ininfluente con la Nuova Itri, vincente sull'Almas. Una sfida da giocare che decreterà soltanto la prima posizione. 
"Sì è una gara ininfluente però le assicuro che la stanno preparando al massimo per poterla vincere e figurare bene ancora una volta davanti al pubblico che seguirà in massa questa sfida. La società ha messo infatti a disposizione dei pullman per i tifosi che vorranno seguire i propri giocatori. Io che vivo quotidianamente questa società sono convinto che sarà una sfida vera e mi auguro che sugli spalti ci sarà una gran festa, anche per i tifosi della Nuova Itri che hanno raggiunto il nostro stesso traguardo".


Chi invece spera ancora di raggiungere l'Eccellenza è l'Almas che se la dovrà vedere proprio con la Città di Minturno Marina. Chi vincerà secondo lei?
"L'Almas certamente la conosco meglio poiché in campionato ne abbiamo avuto a che fare. Penso che sia una squadra giovane e molto organizzata, allenata da un mister importante quale è Santececca. Dall'altra parte c'è il Minturno che ritengo essere competitiva ma che ha molti squalificati, dunque penso che la favorita sia l'Almas".


In campionato è stato un lungo testa a testa fra voi e l'Almas, mentre il Nettuno si rendeva sempre più irraggiungibile...
"Sì, come società noi abbiamo già fatto i complimenti al Nettuno per l'ottimo campionato disputato. Penso che a noi ci sia mancata la continuità di risultati  anche se però abbiamo rispettato gli obiettivi prefissati, ovvero la qualificazione ai play-off come avevamo preannunciato alla conferenza stampa di inizio stagione".


Mister Scudieri verrà riconfermato sulla panchina della Prima Squadra?
"Riconfermatissimo. Più che una società questa è una grande famiglia di cui mister Granieri ed io ne facciamo orgogliosamente parte integrante. Ci conosciamo da moltissimi anni io e lui e penso che possa fare soltanto del meglio a questa squadra".


Quello della squadra di Promozione non è stato però l'unico successo importante avvenuto in casa vostra. Agli Allievi Regionali vanno gli stessi complimenti per aver chiuso da capolisti il girone A a più 10 sul Montespaccato, conquistando così la promozione in élite.
"Siamo felicissimi per questo risultato, è stata una promozione meritata grazie all'impegno di tutti i ragazzi '97 e al lavoro di mister Falappa. In generale mi sento di dire che abbiamo rispettato anche nel settore giovanile tutti gli obiettivi prefissati: la Juniores Regionale si è salvata all'ultima senza dover disputare i play-out, i Giovanissimi Regionali sono arrivati quarti, e gli Allievi Fb Regionali, i '98, sono arrivati secondi e dunque possono ancora sperare nei ripescaggi".


Sono previste novità sulle panchine per la prossima stagione?
"Sì sono previsti dei cambi sulle panchine e anche novità a livello societario ma voglio aspettare la metà del mese per poterle rendere note a tutti".


Gianluca Fiume

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it