La Scopigno Cup vanta tanti di quei gioielli da fare invidia alla Regina Elisabetta. A partire dai calciatori: «Ne conto almeno un cinquantina approdati tra i professionisti» ricorda Fabrizio Formichetti, che dal ’93 non si è fermato un attimo.

Non avrebbe mai pensato che alla sua Scopigno Cup - animata da alcuni appassionati volontari - avrebbero partecipato le stelle del calcio nazionale ed europeo: a Rieti hanno giocato Fernando Torres, Heitinga, Piquè, la stella della Roma Mattia Destro, Snejder, gli juventini Giovinco e Marchisio, Philip Lahm. E poi, chi se li dimentica i reatini: Federico Dionisi, Mario Pacilli e Alessio Luciani. E mentre i calciatori oggi in campo nel ‘93 e nel ‘94 non erano neppure nati, Emanuele Morini si fregiava, per primo (quando il torneo era Esordienti), del premio di miglior giocatore con due maglie diverse, quelle di Lodigiani e Roma (unico club ad aver vinto due volte di fila nonché il più titolato del torneo). Morini, sabato, incontrerà di nuovo Formichetti.

E gli allenatori? Tanti quelli famosi o diventati tali, dopo esser passati per le panchine dello Scopigno. Da Simone a Pippo Inzaghi, fino a Stramaccioni e Tovalieri. Ben venti, tra quelli di A e B, insigniti del Premio Manlio Scopigno: da Delio Rossi, Mancini, Capello, Zeman, Allegri e Conte, solo per citarne alcuni, mentre quest’ultimo lo riceverà di nuovo a fine maggio per la passata edizione. Nella 22esima Scopigno Cup sono oltre 200 i calciatori pronti a darsi battaglia.

FONTE: ilmessaggero.it

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk