Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Dopo aver verificato la notizia tramite l'Add. Stampa dell'Atletico Boville, riportiamo una notizia che getta nello sconforto ma che abbiamo il dovere di pubblicare, e riguarda, purtroppo nel giorno dell'anniversario di quanto accaduto ad Alessandro Bini anni fa, un ragazzo del 1997 vittima di un infortunio molto simile e che, al momento, sta lottando per sopravvivere. Ecco quanto scritto in giornata dal sito lazioquotidiano.it, rispondente a verità.

C’è moltissima preoccupazione per le condizioni di un giovane calciatore dell’Atletico Boville, che sabato pomeriggio, in una partita del campionato provinciale allievi disputatasi a Paliano, si è infortunato gravemente a seguito di un impatto violentissimo contro il muretto dela recinzione dell’impianto sportivo. Il giovane bovillense, classe 1997, è già stato sottoposto a due interventi chirurgici salva vita. I fatti – Si giocava sabato pomeriggio l’incontro di campionato, categoria allievi, tra il Paliano e l’Atletico Boville. Intorno al 10′ del primo tempo, il giovane, nel rincorrere un pallone, è scivolato e finito con lo sbattere il corpo contro il muretto della recinzione, estremamente vicino, che delimita il terreno di gioco. La partita è stata interrotta per i soccorsi.

Il ragazzo non ha mai perso conoscenza ma respirava a fatica. Arrivati i soccorsi, il ragazzo è stato prontamente trasportato al vicino nosocomio di Colleferro. Durante il trasporto il ragazzo ha vomitato sangue e questo ha fatto comprendere effettivamente la gravità delle sue condizioni. Una grave emorragia nel fegato, rilevata immediatamente con gli esami di rito effettuati in ospedale, ha indotto dunque i medici a dover operare d’urgenza. Successivamente, in serata, il giovane è stato trasportato con celerità presso l’ospedale romano Umberto I. Durante il tragitto il ragazzo si è aggravato ulteriormente e appena arrivato a Roma, il giovane ha subito un secondo intervento chirurgico della durata di quattro ore e mezzo. Nella tarda mattinata di domenica la situazione sembrava andare nel verso giusto, il giovane riusciva quantomeno a respirare già autonomamente. Le ultime notizie però ( ore 13:30 ) ci informano che il ragazzo è sottoposto ad un terzo intervento chirurgico d’urgenza a causa di un altra emorragia. Il ragazzo è molto conosciuto a Boville e la notizia del suo infortunio si è subito diffusa.

“Esprimo la mia più totale solidarietà alla famiglia – le parole del sindaco di Boville, Piero Fabrizi – a nome mio e dell’intera amministrazione. Sono vicino alla famiglia e spero con tutto il cuore che tutto vada per il meglio”. Nella speranza dunque che la situazione si risolva positivamente per il giovane, è bene però sottolineare, ancora una volta, come molte partite dei vari campionati giovanili e dilettanti, si svolgano troppo spesso in impianti che non garantiscono del tutto la sicurezza.

fonte: lazioquotidiano.it

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it