Non c'è storia al Futbolcampus dove la Lazio ha dato vita a un vero e proprio show del gol, stendendo un Futbolclub davvero poco pungente che si è dovuto arrendere di fronte alla capolista del girone.

 

Gli orange riescono a farsi vedere solo nei minuti iniziali. Il cronometro segna il 2' quando Carmignani trova il corridoio giusto per Stefanini il cui destro viene respinto dall'estremo difensore Fracassa.

Trascorrono dieci minuti e i biancoazzurri sbloccano la gara. Di Fazio ruba palla a centrocampo e passa a Terenzi che chiude il triangolo consentendo al numero 8 di lanciare dentro per Nicodemo che di pallonetto insacca alle spalle di Di Nicola.

Sprazzi di Futbolclub al 20'. Stefanini salta Dutu e crossa al centro dove Pietrobattista, per un soffio, non ci arriva di testa.

Due giri di lancette più tardi è ancora la Lazio a farsi sotto. Sul cross dalla sinistra di Ventucci, Cerbara non inquadra lo specchio.

Gli aquilotti devono attendere il 30' per vedere il punteggio cambiare ancora in proprio favore. Nicodemo apre sulla destra per Cerbara che scambia di nuovo con il numero 9 che conclude. Di Nicola respinge però il pallone tra i piedi di Felici che a porta sguarnita perde il tempo necessario per infilare in rete, consentendo a un difensore in maglia orange di recuperare. L'azione non è però finita: Terenzi conquista nuovamente la sfera e passa a Di Fazio, il cui destro dalla distanza trova la presa poco felice di Di Nicola che tocca e manda la sfera oltre la linea per il raddoppio biancoazzurro.

Un minuto più tardi è ancora la Lazio a pungere. Di Fazio lancia per Nicodemo che s'infila tra De Simone e Milana ma spedisce il pallone sopra la traversa.

Al 32' passa ancora per i piedi di Di Fazio un invitante assist per Siclari, sul cui destro Di Nicola si distende bene.

 

La musica non cambia nella ripresa. Alla Lazio sono infatti sufficienti soli tre minuti per gettare nuova benzina sul fuoco del Futbolclub. Cerbara se ne va a De Porcellinis e crossa al centro per Di Fazio che non se lo fa ripetere due volte e cala il tris ai danni degli orange.

Neanche un momento per esultare che per i biancocelesti è di un'altra festa. Il lungo lancio di Felici trova Nicodemo che salta a De Simone, smarca Di Nicola e firma la sua personale doppietta.

Trascorrono soli due minuti e i padroni di casa sembrano trovare la reazione giusta. E' l'8' quando, sugli sviluppi di un corner, Pietrobattista accorcia le distanze, con un tiro cross che prima sbatte sul palo e poi s'infila in rete.

La Lazio ovviamente non ci sta e al 12' prova ad incrementare il proprio punteggio con una conclusione dalla distanza di Di Fazio che si stampa sulla traversa.

Agli orange si presenta una buona occasione per riportarsi in partita al 29' quando Inzaghi viene atterrato in area di rigore da Armini ed il direttore di gara concede il penalty al Futbolclub. Dal dischetto si presenta capitan Carmignani, il cui tiro centrale viene respinto da Fracassa. Sulla ribattuta, insiste il numero 10 ma Bracaglia allontana il pericolo, mettendo fine alle speranze orange di recuperare.

 

Finisce qui, con la Lazio che conquista i tre punti senza troppe difficoltà, costringendo il Futbolclub a fermarsi di nuovo dopo lo stop di due settimane fa contro l'Aurelio.

 

FUTBOLCLUB-LAZIO 1-4

FUTBOLCLUB: Di Nicola, Milana, De Porcellinis, Impallomeni, De Simone, Boido, De Ioannon, Pesce, Pietrobattista, Carmignani, Stefanini. Partiti dalla panchina: Filieri, Mondello, Inzaghi, Di Giuseppe, Tartaglia, Morgantini, Marcheggiani. All. Ruggeri

LAZIO: Fracassa, Rotondi, Ventucci, Siclari, Armini, Dutu, Cerbara, Di Fazio, Nicodemo, Terenzi, Felici. Partiti dalla panchina: Cirillo, Bracaglia, Falzano, Francucci, Marzi, Orano, Scaffidi.

ARBITRO: Galiedi di Genova.

MARCATORI: 11' pt, 4' st Nicodemo (L), 30' pt, 3' st Di Fazio (L), 8' st Pietrobattista (F).

Gol, emozioni e qualche polemica hanno animato la gara tra Fiano Romano e Virtus Campagnano. Otto le reti segnate, tre gli espulsi tra le fila degli ospiti e tante le proteste sia in campo che sugli spalti nei confronti del direttore di gara, colpevole di aver assegnato un gol dubbio ai padroni di casa.

 

Partenza lampo dei ragazzi di mister Martelli. Dopo neanche un minuto dal calcio d'inizio, Morroni se ne va sulla sinistra e lancia dentro per Contessa che di destro trafigge Gobbi per il momentaneo vantaggio della VirtusCampagnano.

Gli ospiti avrebbero l'occasione di rendere più pesante il parziale dopo neanche cinque minuti. La punizione di Lorenzetti viene sfiorata dai guantoni di Gobbi che manda il pallone sulla traversa.

La capolista non resta certo a guardare e, dopo un giro di lancette, ristabilisce la parità. Il cross dal fondo di Serio viene respinto da Mustea ma il pallone, dopo un batti e ribatti, finisce tra i piedi di Ibrahimi che tira fuori l'asso dalla manica e con una gran botta di sinistro spiazza Bonimelli.

Un minuto più tardi, è ancora il Fiano Romano a farsi vedere.Manetta imbecca Serio che, dalla distanza, prova a sorprendere Bonimelli. L'estremo difensore ospite si allunga bene in angolo.

Nonostante la maggiore intraprendenza dell'undici di Pignotti, sono di nuovo gli ospiti a trovare la via del gol. Al 19', Bucca se ne va sulla destra a Ibrahimi, crossa al centro per Morroni ma il suo debole tiro si trasforma in un assist per Mancini, il cui destro diventa imprendibile per Gobbi.

Brivido per la porta difesa da Bonimelli al 28'. L'estremo difensore di mister Martelli è autore di un rinvio poco preciso che viene intercettato da Montefoschi che, di destro, non centra la porta. La sfera finisce tra i piedi di Serio che però non inquadra il bersaglio.

Si tratta però delle prove generali. Il numero dieci del Fiano Romano, infatti, tre giri di lancette più tardi, riceve un preciso lancio dal centrocampo che diventa un assist al bacio per l'attaccante di mister Pignotti. Serio salta Bonimelli e, a porta sguarnita, insacca in rete di sinistro, ristabilendo gli equilibri del match.

L'ultima occasione del primo tempo spetta ancora ai ragazzi in maglia verde. Montefoschi se ne va sulla destra ma la sua conclusione trova un attento Bonimelli a dire di no al numero 9.

 

Avvio quasi fotocopia del primo tempo nella ripresa. Questa volta, però, a portarsi avanti sono i padroni di casa dopo appena 3'. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Rusciano colpisce di testa ma incontra la respinta di Mustea che però spinge il pallone addosso a Cattermole che sigla la rete del momentaneo 3-2.

Neanche il tempo di festeggiare che la Virtus Campagnano, nonostante l'inferiorità numerica causata dall'espulsione di Lorenzetti, aggancia il pari. Al 6', il corner dalla destra pesca in area Morini che si gira e di destro trafigge Gobbi per il momentaneo 3-3.

La capolista si rifà sotto al 17'. Serio se ne va lungo l'asse di destra a Gabrielli e crossa basso al centro dove Bonimelli M. devia in angolo. E proprio dagli sviluppi di questo corner nasce l'episodio che cambierà il volto alla gara, dando vita a numerose proteste da parte dei giocatori in campo. Il calcio d'angolo di Serio viene respinto da Morroni, la sfera finisce addosso a Morini ma Bonimelli blocca. Secondo il direttore di gara, però, la palla ha varcato la linea di porta e, dunque, viene convalidata la quarta rete al FianoRomano. Moltissime le proteste che nascono in seguito a questa decisione: prima viene allontanato mister Martelli e poi la Virtus Campagnano si ritrova in tripla inferiorità numerica, a causa dei rossi diretti rifilati allo stesso Bonimelli e a Gabrielli per proteste. Gli ospiti finiranno la partita in nove e in porta ci andrà Bucca, dal momento che sono senza dodicesimo.

La superiorità numerica viene sfruttata appieno dai padroni di casa che, al 33', mettono fine al match siglando il quinto gol. Il cross al centro di Di Giovanni viene respinto dalla difesa in maglia rossa sui piedi di Cursi, sul cui destro s'immola in scivolata Contessa, spedendo però il pallone sul sinistro di Musti che non se lo fa ripetere due volte e mette il suo nome sul tabellino.

 

Finisce così, con tanti gol e molte polemiche. Il Fiano Romano fatica forse un po' più del solito ma porta a casa i tre punti. La Virtus Campagnano interrompe, invece, a tre la sua striscia di vittorie consecutive. +

 

FIANO ROMANO-VIRTUS CAMPAGNANO 5-3

FIANO ROMANO: Gobbi, Rusciano, Ibrahimi, Guerini, Cattermole, Valori, Renzi, Pezzola, Montefoschi, Serio, Manetta. Entrati nella ripresa: Amore, Caursi, Sallaku, D'Innocenti, Di Giovanni, Musti. All. Pignotti.

VIRTUS CAMPAGNANO: Bonimelli B., Mustea, Bonimelli M., Morini, Gabrielli, Lorenzetti, Morroni, Mongini, Contessa, Minasi, Bucca. Entrati nella ripresa: Borrelli, Lazzari, Rosati, Abbate, Marra. All. Martelli

MARCATORI: 1'pt Contessa (V), 5' pt Ibrahimi (F), 19' pt Mancini (V), 30' pt Serio (F), 3' st Cattermole (F), 5' st Morini (V), aut. Mustea (F), 33' st Musti (F).

NOTE: Ammoniti: Gabrielli (V). Espulsi: Lorenzetti (V), Gabrielli (V), Bonimelli B. (V).

 

Benedetta Lombardi

Nonostante un buon secondo tempo, la Tor Tre Teste di Alessandro De Blasis non è riuscita a impedire al Futbol Club di Tiziano Topa di strappare allo ‘Ielasi’ i tre punti. L’incontro si è, infatti, chiuso sul 2 a 3 con gli ospiti Orange che si sono resi protagonisti di un grande avvio di gara con due gol in poco più di venti minuti.

Siamo al 2’ minuto di gioco quando, per il Futbol, Catalano pesca Cordone in ottima posizione che prova il tiro, Negro devia, ma la sfera arriva comunque dalle parti di Cherubini con Barba che non riesce a trovare il tocco vincente. Subito dopo gli Orange sono ancora pericolosi con il destro da parte di Silvestro che termina di pochissimo alto sopra la traversa. Al 5’ ci pensa però lo stesso Cordone a sbloccare il punteggio quando in velocità supera due difensori ed evita il portiere Cherubini prima di calciare completamente a porta vuota e far gioire i suoi. Sul versante opposto i padroni di casa provano a reagire e lo fanno con un lancio lungo a cercare Di Marcello che prova il tiro, ma si vede negare il gol da Siciliano che respinge e da Russo che allontana. Trascorrono una decina di minuti e i rossoblù provano ancora a pungere con una conclusione da parte di Mattei, troppo debole e prevedibile per mettere in difficoltà Siciliano. Cinque minuti dopo il Futbol riesce ancora a bucare la difesa avversaria, questa volta con una punizione da posizione centrale di Marcheggiani. Cherubini è sulla traiettoria, tocca, ma non riesce a evitare il gol. In chiusura ancora Futbol in avanti con Cippone sulla destra che serve l’assist a Cordone che, però, questa volta non inquadra lo specchio della porta. Si va al riposo sullo 0 a 2.

Nella ripresa l’avvio della Tor Tre Teste  è vincente. I rossoblù dimezzano subito lo svantaggio con un lancio lungo da centrocampo a servire Ridolfi che non si lascia sfuggire l’opportunità e infila la porta avversaria con un diagonale sul palo più lontano. Al 7’ prova a ispirare i suoi Marcheggiani che serve un bel pallone per  Catalano. Quest’ultimo mira all’incrocio dei pali e manda fuori di poco. Al quarto d’ora Siciliano è costretto al doppio intervento: prima cerca il gol Larovere su assist di Mattei, poi, sulla respinta, ci prova Ridolfi, ma anche questa volta l’estremo difensore orange è pronto. Tre minuti più tardi Catalano riesce a rubare un pallone e a districarsi tra i difensori avversari, ma il tiro è di quelli da dimenticare. Un minuto dopo giunge, però, l’1 a 3 con uno scambio tra Pinchetti e Catalano che porta il numero sedici Orange a tu per tu con Cherubini che non può far nulla per evitare il gol. Dalla parte opposta cerca il gol Cherubini con la conclusione dal limite, ma il pallone termina fuori. Al 23’ comunque la Tor Tre Teste accorcia di nuovo di distanze assicurandoci emozioni fino alla fine. Mattei batte una punizione dal limite, Siciliano intercetta per un attimo, ma la palla finisce comunque in fondo al sacco. Alla mezz’ora brivido per i rossoblù con un contropiede del Futbol che culmina con la conclusione di Ferro. Cherubini vi si oppone di due tempi.  

TOR TRE TESTE – FUTBOL CLUB 2-3

 

 

Nella ventiduesima giornata del campionato Giovanissimi Provinciali fascia B, i Vigili Urbani riescono nell’impresa di fermare sul pari la capolista Urbetevere.

A partire nel migliore dei modi sono proprio i ragazzi di Mariani, che dopo una manciata di minuti trovano il gol del vantaggio con Tomelli che di testa, dalla breve distanza, non lascia scampo a Sofia.

Provano subito a reagire i padroni di casa, che al 9’ conquistano un calcio d’angolo: dalla bandierina va Fabrizio, che disegna una traiettoria insidiosa sulla quale vola Caporossi e salva la propria porta.

Passano pochi minuti e sono ancora i Vigili Urbani a rendersi pericolosi con Frezza, che si ritaglia uno spazio al limite dell’area e calcia di destro, ma ancora una volta il portiere ospite salva in angolo.

Tuttavia, il gol dei ragazzi di Solieri è nell’aria e arriva alla mezz’ora quando Squarcia parte in contropiede sulla corsia sinistra e con un’ottima scelta di tempo supera il portiere in uscita con un rasoterra preciso che si va a insaccare per l’uno a uno.

Nella ripresa, poi, le cose si mettono subito in discesa per i padroni di casa perché all’8’ De Lorenzo rimedia il secondo cartellino giallo e lascia i suoi compagni in inferiorità numerica.

Nonostante l’uomo in meno, però, l’Urbetevere si porta con insistenza in avanti alla ricerca del gol del nuovo vantaggio, senza però riuscire a mettere troppo in difficoltà Hoffmann, subentrato al posto di Sofia.

Nel finale, poi, la squadra di Mariani perde anche Pellecchia, che si fa buttare fuori per qualche protesta di troppo e la gara, dunque, si conclude qui. I Vigili Urbani resistono bene contro la capolista Urbetevere, che dal canto suo riesce a non subire la sconfitta addirittura in nove contro undici.

VIGILI URBANI: Sofia (1’st Hoffmann), Colazza (13’st Coculo), Puccilli, Donninelli (3’st Del Prete), Cicchinelli, Pancaldi, Fabrizio (20’st De Angelis), Morabito (17’st Stancati), Squarcia (20’st Minervini), Proietti, Frezza (20’st Mercatali). All.: Solieri.

URBETEVERE: Caporossi, Nardoni, De Lorenzo, Sicilia (20’st Scalfaro), Ferruccio, Pellecchia, Berardelli (11’st Lombardi), Testa (13’st Lustri), Tamburello (17’st Cremisini), Merini, Tomelli (10’st Barison). A disp.: Cecchetti. All.: Mariani.

MARCATORI: 3’pt Tomelli (U), 33’pt Squarcia (V)

AMMONITI: Cicchinelli, Proietti

ESPULSI: all’8’st De Lorenzo (U) per doppia ammonizione, al 30’st Pellecchia per proteste

 

La Tor Tre Teste di mister Bramante ha ottenuto un successo sofferto ma meritato contro la Lazio di mister Menasci. La gara dello ‘Ielasi’ è terminata, infatti, 3 a 2 con i padroni di casa che si sono espressi meglio nella prima frazione e con gli ospiti che, invece, si sono resi pericolosi nella ripresa, soprattutto sulla fascia destra.

La prima palla gol dell’incontro dopo dieci minuti è per i rossoblù con una punizione dalla sinistra sulla quale né NguyenFerrini riescono a intervenire e a deviare in rete. Cinque minuti più tardi la Tor Tre Teste ci riprova: Ferrini smista un pallone per Fortini che lo fa arrivare a Galluzzo, ma l’intervento di Fracassa in uscita sventa la minaccia. Al 17’ è ancora Ferrini che prova a ispirare l’iniziativa dei padroni di casa con l’assist per Galluzzo che calcia di poco a lato. Al 20’ finalmente i padroni di casa trovano il vantaggio al termine di un’azione al limite dell’area quando a sbloccare la situazione è una conclusione dalla distanza di Mariani che si infila in rete proprio sotto la traversa. Cinque minuti dopo giunge anche il raddoppio: la Tor Tre Teste beneficia di un calcio d’angolo, un giocatore della Lazio allontana, ma i rossoblù tornano in possesso della sfera con Fortini che passa a Pompili che prolunga per Ferrini, quest’ultimo fa partire il tiro che viene ribattuto, ma ci pensa Maratea arrivato dalla destra  a mettere in rete. La gara sembra ormai segnata, ma a due minuti dal termine cambia tutto. Al 35’ Scaffidi prende palla sulla sinistra, entra in area e passa a Cianci che prova il tiro, questo si infrange sul palo, ma Scaffidi è veloce e rimpossessarsi del pallone e a deviarlo in rete. Subito dopo per la Lazio arriva anche il pari. L’azione nasce ancora dalla destra con Scaffidi che mette palla in mezzo per lo stacco di testa di Nanni che mette in rete sul palo più lontano. Si va il riposo sul 2 a 2.

Nella ripresa i biancocelesti si esprimono meglio e provano subito a farsi pericolosi con una conclusione dal vertice destro dell’area di Cerbara che termina di poco alta sopra la traversa. Tre minuti dopo è ancora Cerbara a rendersi pericoloso con il destro potente sul quale Bellucci interviene in tuffo, evitando guai peggiori per i suoi. All’11’, neanche a dirlo, Lazio di nuovo vicina al gol con un tiro dalla distanza, questa volta da parte di Francucci che da solo l’impressione di essere terminato in fondo al sacco. Al 14’ finalmente torna a farsi vedere la Tor Tre Teste con Settembre che intercetta un pallone e lo fa arrivare a Nguyen che prova il tiro, non abbastanza potente per impensierire Fracassa. Dieci minuti più tardi ancora biancocelesti in avanti con Francucci che ci riprova dalla medesima posizione di poco prima, ma neanche questa volta ha fortuna e la palla termina alta sopra la traversa. Siamo alla mezz’ora quando la Tor Tre Teste ipoteca il successo:  da calcio d’angolo Luciani riesce a toccare per primo la sfera e a indirizzarla in rete per il 3 a 2. Infine, quando siamo al 34’ l’ultima occasione per i biancocelesti è con un'altra conclusione da parte di Francucci che costringe Bellucci a rifugiarsi in calcio d’angolo salvando il 3 a 2 che durerà fino al 70esimo.

TOR TRE TESTE – LAZIO 3-2

TOR TRE TESTE: Giordani, Mariotti, Mariani, Pompili, Busetta, Nguyen, Galluzzo, Gagliassi, Ferrini, Fortini, Maratea. Partono dalla panchina: Bellucci, Credico, Bianchi, Titta, Settembre, Luciani, Vagnoni. All. Bramante

LAZIO: Fracassa, Dutu, Petricca, Siclari, Armini, Bracaglia, Orano, Cianci, Nanni, Marzi, Scaffidi. Partono dalla panchina: Cirillo, Rotondi, Falzano, Francucci, Terenzi, Cerbara, Nicodemo. All. Menasci

MARCATORI: 20’pt Mariani, 24’pt Maratea, 35’pt Scaffidi, 37’pt Nanni, 30’st Luciani

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it