Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

ATLETICO FIDENE, RAMACCIANI: Il difensore centrale dell'Atletico è veramente in forma straripante quest'oggi.  La pioggia che non ha dato tregua per quasi tutto l'incontro ha reso sicuramente il gioco più maschio, a spese del bel calcio. Il numero 5 non si è tirato indietro neanche di un centimetro ed, anzi, ha sfruttato la sua grande stazza in contrasti e scivolate.  Non solo; i suoi piedi precisi sono necessari anche in fase offensiva, specie quando da calcio di punizione si è trattato di crossare la palla al centro dell'area avversaria. Sfiora anche fortuitamente il gol del pareggio che avrebbe consacrato la sua prestazione.


BOREALE, BARRETTA: 
Giù la saracinesca e nulla da fare per gli avversari. L'estremo difensore della Boreale è stato quest'oggi certamente il migliore fra i suoi per le splendide parate messe in atto e per aver salvato il risultato a più riprese. Riflessi eccellenti e grinta da vendere gli meritano il premio di migliore in campo, specie per gli interventi miracolosi in occasione dei calci di punizione avversari battuti da Benigni e Ramacciani che non sapranno più che santo invocare. Quando sbaglia l'unico calcio di rinvio di tutto l'incontro spedendolo direttamente in rimessa laterale, se la prende decisamente troppo con sè stesso, ma questo gli dà ulteriore merito. 

Gianluca Fiume

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it