Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

I MIGLIORI IN CAMPO

 

SPES MONTESACRO, SPALLACCI: Il numero 11 della Spes si aggiudica l'epiteto di migliore in campo al termine della grande sfida contro l'Ostia Mare. Uno dei due gol, che hanno permesso alla Spes di avvicinarsi ancor di più alle parti alte della classifica, arriva proprio dai suoi piedi. Di ruolo ala sinistra è stato perfetto nel controllare il passaggio servitogli da Moretti e ad essere freddo sotto porta, non facendosi impressionare dall'uscita del portiere Esposto. A tu per tu con l'estremo difensore lo scavalca con un pallonetto generato da un tocco morbido, che gli fa guadagnare gli applausi del pubblico presente. Oltre alla personale marcatura è sempre in agguato nella linea d'attacco, pronto a sfruttare ogni minimo errore dei difensori avversari.

 

OSTIA MARE, FRASCHETTI: Il centrocampista avanzato, nonché capitano dell'Ostia Mare, è stato il migliore fra i suoi in quanto è sempre riuscito a vivacizzare la manovra di gioco dei compagni. Spesso ha fatto credere facili dei movimenti o dei dribbling in realtà complicati, grazie alla sua agilità. La tecnica del numero 10 viola è stata appariscente anche in occasione dei contropiedi avviati, quando ha sempre corso una marcia in più rispetto ai compagni. Con il vizietto di puntare e saltare l'uomo, ha anche creato delle azioni in cui gli ospiti si ritrovavano in superiorità numerica. Un suo calcio di punizione al 14' della ripresa impegna il portiere avversario Anelli all'intervento in due tempi per evitare il peggio.

 

 

 

Gianluca Fiume

 

 

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it