Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

I MIGLIORI IN CAMPO

NUOVA TOR TRE TESTE, POCHI e GRUMO: per gli addetti ai lavori non sarà una sorpresa leggere il loro nome tra i migliori. Pochi è un classe ’98 che gioca davanti la difesa in posizione di diga, è suo il compito di spezzare le trame avversarie e di far ripartire velocemente l’azione, e riesce spesso a svolgere il compito con zelo e precisione, dimostrando di essere qualcosa in più di un semplice incontrista. Senza capitan Lucia ma con Puca accanto a impostare sembra rendere meglio, sgravato dai difficili compiti di impostazione, ma sono rari i passaggi da lui sbagliati. Deve migliorare nella gestione delle energie e della cattiveria agonistica, talvolta entra con troppa foga e decisione, ricevendo troppi cartellini. Grumo è uno dei protagonisti di giornata, è grazie alla sua doppietta che la Tor Tre Teste dilaga nel secondo tempo, dopo aver incontrato alcune difficoltà nel primo. Con questi gol sale a 4 nella classifica marcatori, dimostrando di aver trovato la concretezza che forse in passato gli è mancata, prova del quale è il bellissimo gol del 3 a 1, un grande inserimento coronato dal dribbling sul portiere.

CERTOSA, BALDUCCI e MASCI:  non è stata una giornata fortunata per gli ospiti, ma Laureti può consolarsi, oltre che della reazione della squadra nel primo tempo, anche della prestazione dei suoi due centrocampisti. Balducci è un trequartista vecchio stile, gioca a ridosso delle punte sgravato dai compiti di impostazione e rottura, ma oggi ha provato anche a farsi valere in fase di contenimento, applicandosi diligentemente alle direttive del mister. Mentre Fortunato è sembrato in giornata no, non riuscendo a concretizzare le poche palle avute a disposizione, Balducci prova a rimediare con i calci da fermo, calciati indifferentemente tagliati o a giro, morbidi o tesi, ed è solo per imprecisione dei suoi compagni che i suoi preziosi assist non vengono concretizzati a dovere. Dai suoi piedi nasce il gol del pareggio bianco verde, non è una sorpresa e continua a confermarsi come uno dei leader del gruppo. Masci entra nella ripresa per cercare di dare un po’ di brio a un attacco troppo spento, anche se le sue attitudini sono più di corsa e sostanza che di costruzione. Evita ai suoi un passivo troppo pesante salvando sulla linea il tiro di Michettoni al 33’, mentre alcuni minuti prima solo un fantastico Lombardi era riuscito a negargli la gioia di un gol meritato, vista l’alta mole di palloni toccati e di corsa per la squadra.

Alessandro Bastianelli

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it