I MIGLIORI IN CAMPO

NUOVA TOR TRE TESTE, POCHI e GRUMO: per gli addetti ai lavori non sarà una sorpresa leggere il loro nome tra i migliori. Pochi è un classe ’98 che gioca davanti la difesa in posizione di diga, è suo il compito di spezzare le trame avversarie e di far ripartire velocemente l’azione, e riesce spesso a svolgere il compito con zelo e precisione, dimostrando di essere qualcosa in più di un semplice incontrista. Senza capitan Lucia ma con Puca accanto a impostare sembra rendere meglio, sgravato dai difficili compiti di impostazione, ma sono rari i passaggi da lui sbagliati. Deve migliorare nella gestione delle energie e della cattiveria agonistica, talvolta entra con troppa foga e decisione, ricevendo troppi cartellini. Grumo è uno dei protagonisti di giornata, è grazie alla sua doppietta che la Tor Tre Teste dilaga nel secondo tempo, dopo aver incontrato alcune difficoltà nel primo. Con questi gol sale a 4 nella classifica marcatori, dimostrando di aver trovato la concretezza che forse in passato gli è mancata, prova del quale è il bellissimo gol del 3 a 1, un grande inserimento coronato dal dribbling sul portiere.

CERTOSA, BALDUCCI e MASCI:  non è stata una giornata fortunata per gli ospiti, ma Laureti può consolarsi, oltre che della reazione della squadra nel primo tempo, anche della prestazione dei suoi due centrocampisti. Balducci è un trequartista vecchio stile, gioca a ridosso delle punte sgravato dai compiti di impostazione e rottura, ma oggi ha provato anche a farsi valere in fase di contenimento, applicandosi diligentemente alle direttive del mister. Mentre Fortunato è sembrato in giornata no, non riuscendo a concretizzare le poche palle avute a disposizione, Balducci prova a rimediare con i calci da fermo, calciati indifferentemente tagliati o a giro, morbidi o tesi, ed è solo per imprecisione dei suoi compagni che i suoi preziosi assist non vengono concretizzati a dovere. Dai suoi piedi nasce il gol del pareggio bianco verde, non è una sorpresa e continua a confermarsi come uno dei leader del gruppo. Masci entra nella ripresa per cercare di dare un po’ di brio a un attacco troppo spento, anche se le sue attitudini sono più di corsa e sostanza che di costruzione. Evita ai suoi un passivo troppo pesante salvando sulla linea il tiro di Michettoni al 33’, mentre alcuni minuti prima solo un fantastico Lombardi era riuscito a negargli la gioia di un gol meritato, vista l’alta mole di palloni toccati e di corsa per la squadra.

Alessandro Bastianelli

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it