Maggio 27, 2018
Giacomo Lucia

Giacomo Lucia

Il Savio perde ai calci di rigore contro il Tor di Quinto nella finale Giovanissimi Elite. Ecco le pagelle dei blues:

VILARDI 7: prestazione superlativa; nel corso del match si oppone più volte sugli avanti rossoblù, mentre nella sequenza dei rigori intercetta il primo e tocca soltanto il secondo: insomma, l' ultimo ad alzare bandiera bianca.

PALOMBI 6: prova ordinata del numero 2, che non commette particolari errori ma non si distingue per giocate pericolose in fase offensiva.

GABRIELLI 6,5: non concede un centimetro a D' Amato, marcandolo con attenzione e aggressività; leggermente più in apprensione quando Del Proposto si sposta sulla sua corsia nella ripresa.

CARLONI 6: è il metronomo della squada, di fondamentale importanza nelle due fasi; oggi tocca meno palloni del solito e rimane ai margini della partita.

BARONI 5,5: è il difensore che va maggiormente in difficoltà; soffre la fisicità e dinamicità di Campidonico, che nel primo tempo gli soffia la sfera e per poco non firma l' 1-0.

PAOLANTONI 6: se la cava meglio del compagno di reparto, giocando con intelligenza e malizia.

RUFFATO 5,5: si vede pochissimo, poco ispirato e neutralizzato da Monni. Dal 3' st BIANCONI 6,5: entra con determinazione e voglia, cerca spesso l' uno contro uno sulla destra, creando la superiorità numerica in fascia.

FERRARO 6,5: è il migliore del centrocampo blues; dinamico e frizzante, si inserisce con i tempi giusti creando difficoltà alla retroguardia rossoblù.

CATALDI 5,5: combatte ma non trova il guizzo giusto per far male; sbaglia dagli undici metri, calciando il rigore altissimo.

DEL GRANDE 6: è il raccordo tra centrocampo e attacco; chiede spesso la sferta sui piedi, ma anche lui fatica a costruire situazioni di pericolo. Dal 14' st SQUARCIA 5,5: si posiziona in mezzo al campo, dando nuova linfa al giro palla; pesa il rigore sbagliato.

DE SANCTIS 5,5: da lui ci si aspettava qualcosa di più; non punge ed è ben contenuto da Maestrelli. Dal 3' sts PIGA SV.

Il Tor di Quinto vince la finale Giovanissimi Elite contro il Savio ai calci di rigore; di seguito le pagelle dei rossoblù:

TOLOMEO 7: decisive le due parate nella sequenza dei rigori; per il resto, sempre attento e sicuro in ogni circostanza.

MAESTRELLI 6,5: solita prova di esperienza e pulizia per il numero 2, pilastro della difesa rossoblù.

MONNI 6: inizia bene con personalità e qualità nel mancino; poi cala di prestazione, rimediando un giallo e sbalgiando il primo rigore.

PELLEGRINI 6,5: una certezza in mezzo al campo; manca De Iulis e diventa la guida del centrocampo, fungendo da equilibratore.

SIMEONI 6: il meno brillante dei difensori del Tor di Quinto; l' ammonizione lo condiziona per tutta la gara.

TEMPERINI 6,5: solido e carismatico; guida la linea difensiva con personalità, raramente va in difficoltà sulle avanzate avversarie.

D' AMATO 5,5: prova sottotono dell' esterno di destra di mister Basili; non entra nel vivo dell' azione e non riesce a trovare spunti interessanti. Dal 25' st ISIDORI 6: ha subito un buon impatto sulla gara, apportando freschezza al reparto offensivo.

MORELLI 5,5: si è visto poco il numero 8, sostituto di De Iulis squalificato; spesso si perde gli inserimenti di Del Grande.

CAMPIDONICO 6: pone fine alla finale con il rigore della vittoria; prestazione nel complesso generosa, fortuna per lui l' errore sotto porta dopo pochi minuti non ha influito sul risultato.

SANTILLI 6,5: è il giocatore con più qualità e soluzioni offensive; le sue palle inattive sono sempre una minaccia.

DEL PROPOSTO 6: si muove su tutto il fronte, lottando con i difensori avversari e fungendo da spalla per Campidonico; non trova tuttavia palloni puliti da giocare e fatica a rendersi insidioso.

La Vigor Perconti esce sconfitta dall' Accademia nella finale regionale Allievi Elite Fascia B. Di seguito le pagelle dei blaugrana:

CASAGRANDE 6: praticamente non viene impegnato per quasi tutta la gara; poco può sul gol di Turchetti, oscurato da super Florin nella lotteria dei rigori.

NAPODANO 6,5: il classe 2003 chiamato a sostitutire Iorio non mostra alcun timore e sfodera una prestazione di personalità e qualità.

ESPOSITO 5,5: in ombra; si vede poco e si limita al compitino, fatica a proporsi in fase offensiva.

CIUFERRI 6,5: capitano e trascinatore, partita senza sbavature e di grande senso tattico; gioca da libero staccato coprendo gli eventuali svarioni dei compagni di squadra.

CODISPOTI 6: anche lui fino al gol del pari amministra la difesa senza problemi, poi nei supplementari si concede qualche sbavatura.

ORLANDO 6: partita senza infamie e senza lodi per il numero 6 rossoblù. Dal 6' pts ABDALLA 5,5: sbaglia il primo rigore della sequenza.

ZAROLA 5,5: ci si aspettava qualcosa in più dal cantrocampista numero 7, poco nel vivo del gioco e poco presente in fase offensiva; troppi anche gli errori nei passaggi. Dal 6' pts TADDIO SV.

GALLO 6: tocca pochi palloni in fase di costruzione, ma compie un importante lavoro sporco in fase di non possesso. Dal 1' sts ORLANDI 5,5: sbaglia dagli undici metri, Florin lo mura col piede.

MASTRODONATO 5,5: deludente la prova del fantasista; non riesce a mostrare le sue grandi qualità e fatica a dialogare con Giardini e De Bellis. Dal 26' st GAMBINO 6: giudizioso ed attento, poco minaccioso però in zona offensiva.

DE BELLIS 7: autentico pilastro della squadra; porta in vantaggio i suoi trasformando il rigore, per poi caricarsi la squadra sulle spalle e polarizzare il gioco; prestazione macchiata dal rigore sbagliato nella sequenza finale.

GIARDINI 6,5: un suo giuzzo sulla sinistra procura il calcio di rigore che sblocca la partita; corre molto e dialoga alla grande con De Bellis. Dal 22' st PAPA 6: grande impatto col match; da freschezza all' attacco, sfiora il 2-0 su imbeccata di De Bellis.

L' Accademia Calcio Roma si laurea campione regionale in una categoria elite per la prima volta nella sua storia; ecco le pagelle dei protagonisti della finale vinta ai rigori contro la Vigor Perconti

FLORIN 8: è l' uomo copertina del match; intuisce ma non intercetta il rigore dell' 1-0 di De Bellis, per poi rifarsi con gli interessi nella lotteria finale, quando neutralizza i primi tre rigori della Vigor. Bravo anche nella ripresa a farsi trovare pronto su Papa e De Bellis, evitando il raddoppio che avrebbe chiuso i conti.

FUMASELLI 6: prova ordinata dell' esterno destro, che tiene la posizione e non preme eccessivamente sull' acceleratore. Dal 16' st PISTILLO 6: sostituisce Fumaselli sull' out di destra, interpretando il ruolo in maniera più offensiva; il suo errore dal dischetto non pesa ai fini del risultato.

CANALI 6: anche lui strappa la sufficienza con una prestazione ad alti e bassi; De Bellis e Giardini lo mettono in difficoltà, lui risponde con intelligenza e mestiere. Dal 1' pts PRIZZI SV.

QUAGLIA 6,5: il migliore dei difensori neroazzurri; guida la linea con carisma e lascia poco spazio alle iniziative avversarie.

BiIANCO 6: anche lui, come Canali, non brilla e a volte perde la marcatura sul diretto avversario; bravo tuttavia a restare in partita e a migliorare con il trascorrere dei minuti.

ZACCONE 6,5: è il più intraprendente dei suoi nel primo tempo; interpreta il ruolo di esterno sinistro con personalità, sfornando cross insidiosi per la difesa blaugrana.

ANTONINI 6,5: cuore e carattere nella gara del centrocampista, che lotta fino alla fine e resta freddissimo dal dischetto; prolunga di testa la sfera che Turchetti scaraventa in rete.

DE TROTA 5,5: non sufficiente la prova del centrocampista, che non incide sulla partita: pochi palloni giocati e troppi errori di misura. Dal 12' st AGOSTINO 6,5: è il primo cambio di Contaldo ed entra subito in clima partita, dando una scossa al reparto offensivo della squadra.

STAGLIANO 5,5: non una finale da incorniciare per il numero 9, che per tutta la partita fatica a trovare la posizione e a rendersi insidioso. Dal 25' st SVIDERCOSCHI 6,5: è lui a sancire il trionfo realizzando il penalty decisivo; positiva comunque l' entrata in campo del numero 18, che con la sua qualità ha messo in apprensione la retroguardia della Vigor.

TAMPOWO 6: si vede a sprazzi; ha grandi doti fisiche e le sfrutta sopratutto nei contrasti in mezzo al campo; deludente sul piano della pericolosità offensiva. Dal 26' st IERARDI 6: entra con tenacia e concentrazione; non sbaglia dagli undici metri.

TURCHETTI 7: prova opaca fino al 37' del secondo tempo, quando deposita in rete il pareggio e di fatto cambia le sorti della finale. Dal 3' pts BRAIDO SV.

 

Ecco il video dell' intervista a mister Barba dopo la sconfitta in finale del suo Urbetevere contro la Roma.

GIOVANISSIMI ELITE FASCIA B, FINALE: ROMA-URBETEVERE 4-0, LE PAROLE DI BARBA - VIDEO

Ecco il video dell' intervista a mister Rubinacci dopo la vittoria in finale della sua Roma contro l' Urbetevere. Buona visione.

GIOVANISSIMI ELITE FASCIA B, FINALE: ROMA-URBETEVERE 4-0 - VIDEO

Ecco lo sfogo a caldo del presidente Maurizio Perconti dopo la sconfitta ai calci di rigore della Vigor Perconti contro l' Accademia. Oggetto della sua polemica la terna arbitrale, che a suo dire avrebbe inciso in maniera determinante sul match. Ecco le sue parole:

Presidente tanti rimpianti, soprattutto considerando che fino al gol di Turchetti sembravate in pieno controllo della partita.

"Innanzitutto faccio i complimenti all' Accademia, che ha meritato di arrivare fin qui, ha disputato una stagione straordinaria e si è dimostrata un avversario molto ostico. La partita l' avevamo in mano e l avremmo vinta con una direzione arbitrale adeguata; tutti gli episodi dubbi ci hanno danneggiato: il rigore non dato, il gol in fuorigioco di Turchetti, il gol annullato a Zarola. Non è possibile perdere in questo modo; è sempre la solita storia: si è ripetuto quanto accaduto nella finale juniores: se questa è la situazione, domani con gli allievi non mi aspetto un trattamento diverso"

La sconfitta ovviamente è una delusione grande, ma non cancella tutto ciò di buono fatto dalla squadra nel corso della stagione.

"Assolutamente. Mister Persia ha svolto un lavoro eccezionale, portando questo gruppo ad un livello davvero importante. E' triste vedere i ragazzi piangere in mezzo al campo, soprattutto perchè in campo hanno dimostrato di meritare la vittoria. Ripeto, la gara è stata decisa dalla terna, che ha pesantemente influito sul risultato. Non è più tollerabile una situazione del genere".

Ecco il video dell' intervista a mister Barba dopo la vittoria per 2-0 del suo Urbetevere sul campo della Lazio.

GIOVANISSIMI ELITE FASCIA B, PLAY OFF: LAZIO-URBETEVERE 0-2, LE PAROLE DI BARBA - VIDEO

Ecco il video della vittoria per 2-0 in semifinale dell' Urbetevere contro la Lazio.

GIOVANISSIMI ELITE FASCIA B, PLAY OFF: LAZIO-URBETEVERE 0-2 - VIDEO

GIOVANISSIMI ELITE FASCIA B, PLAY OFF: Menchinelli e Legnante mettono ko la Lazio, l’ Urbetevere vola in finale

 

dal nostro inviato

Giacomo Lucia

 

Con una prova maiuscola l’ Urbetevere sbanca il Melli, elimina la Lazio ed accede alla finale del campionato Giovanissimi Elite Fascia B. Una gara interpretata alla perfezione dai ragazzi di Barba, che con un gol per tempo stendono una Lazio deludente, bloccata e mai veramente pericolosa. Ora in finale i gialloblù affronteranno la Roma, contro cui nella regular season hanno rimediato una sconfitta e una vittoria.

Il primo squillo del match è di marca biancoceleste: sugli sviluppi di un angolo, Del Mastro prende bene il tempo ma non indirizza a dovere, favorendo la presa di Della Sala. E’ solo una fiammata, perché per nel resto della prima frazione sono gli ospiti a fare la partita. A 13’ Menchinelli, direttamente su punizione, esalta i riflessi di Morsa; al 19’ Legnante mostra tutta la sua qualità: parte da metà campo, semina due avversari e viene chiuso in angolo solo dalla provvidenziale uscita di Morsa. Poco dopo il 10 libera in area Menchinelli, che, spostato sulla destra, scarica il destro trovando la pronta risposta di Morsa. L’ episodio che sblocca la gara arriva proprio sul finire di tempo: sugli sviluppi di un piazzato da sinistra, Morsa esce ma si lascia sfuggire la sfera e per recuperarla ostacola Legnante. Per l’ arbitro è calcio di rigore; sul dischetto il solito Menchinelli non sbaglia, per il vantaggio dell’ Urbetevere.

Nella ripresa ci si aspetterebbe una reazione dei padroni di casa, ma al rientro dagli spogliatoi il copione del match non cambia e gli ospiti ricominciano a creare palle gol importanti. Dopo quattro minuti Menchinelli cerca l’ angolino, Morsa si distende e mette in corner; poco più tardi Legnante penetra in area da destra e in diagonale coglie un clamoroso palo. Al 9’ è, invece, Capuano a cestinare l’ ottimo assist di Farfarelli. La Lazio si rivede al 14’: Napolitano ruba palla al limite e serve a sinistra Cherubini, che calcia a giro ma non riesce ad angolare. Al 23’ ancora Urbetevere; punizione da destra e incornata di Gagliardi su cui Morsa si supera deviando in corner. E’ il preludio al raddoppio: Menchinelli lancia in verticale Legnante, che brucia in velocità Del Mastro e beffa Morsa con un delizioso tocco sotto. Negli ultimi dieci minuti i biancocelesti provano a rigettarsi nella metà campo avversaria, senza tuttavia trovare sbocchi. Anzi, è l’ Urbetevere a sfiorare il tris con Stefanacci, il cui tap-in sotto porta viene prolungato sul palo da Morsa. Dopo quattro minuti di extra-time l’ arbitro fischia la fine: in finale sarà Roma-Urbetevere.

Giacomo Lucia

LAZIO-URBETEVERE 0-2

LAZIO (4-2-3-1): Morsa; Bedini, Mancini, Del Mastro, Quaresima; Marafini, Rossi; Botticelli (13’ st Carboni), Napolitano (27’ st Minelli), Cherubini; Serafini (34’ st Gennari). A disp: Sternini, Vecchi, Nannini, Tredicine. All: Alboni.

URBETEVERE (4-2-3-1): Della Sala; Chillè, Gagliardi, Buffa (25’ st Lo Schiavo), Farfarelli; Menchinelli, Campana; Giuncato, Capuano (37’ st Calisse), Legnante (38’ st Vultaggio); Borni (19’ st Mercurio). A disp: Bindi, Galli, Stefanacci. All: Barba.

ARBITRO: Ingenito di Ostia

MARCATORI: 37’ pt rig. Menchinelli (U), 26’ st Legnante (U)

NOTE: Ammoniti: Morsa, Quaresima, Napolitano (L), Farfarelli, Campana (U).

Pagina 1 di 15

Ultimi Tweets

https://t.co/vSmhP3N58g
https://t.co/dCgR9j97rB
#Dilettanti #PrimaCategoria #CoppaLazio #Finale GiardinettiGarbatella Prima Squadra Giardinetti-Garbatella 1957 https://t.co/TUlvkFMvlV
Follow Fuoriarea.it on Twitter