Ottobre 16, 2018
Riccardo Merlini

Riccardo Merlini

Soddisfatto per il successo della sua squadra per 5-2 contro il Certosa, mister Miccio ha rilasciato alcuni commenti in merito al match:

“Nonostante il periodo difficile che sta passando il Certosa, delle squadre che ho incontrato fino ad ora, per capacità di difendere e attaccare con idee,  è quella che mi ha impressionato di più e colgo l’occasione per esprimere i miei complimenti a mister Torretti e, la mia certezza, che risaliranno in fretta la china perché è una squadra di livello sia nei singoli che nell’organizzazione. Detto ciò la nostra vittoria assume maggiore importanza perché è vero che siamo stati ingenui nel subire il primo gol, anche se vanno sottolineati i meriti avversari per aver preparato una situazione efficace da calcio da fermo, ma abbiamo risposto immediatamente come la settimana scorsa, nella quale siamo andati sotto per ben due volte. Oggi ai miei ragazzi avevo chiesto di migliorare lo sviluppo del gioco e questo l’ho visto, oltre ad essere testimoniato dai cinque gol e dai tre pali centrati, e ne sono molto felice. Rimane la macchia dei due gol subiti che deve essere tolta perché non potremo sempre fare tre o quattro reti a partita”.

Inoltre, l’allenatore dei padroni di casa si è soffermato sull’obbiettivo posto, ad inizio stagione, dalla sua squadra indicando i pericoli che i suoi ragazzi potranno incontrare in questo girone:

“Il nostro obbiettivo per quest’anno è quello, almeno, di arrivare a fare le finali anche se, il nostro girone, è molto difficile: ogni trasferta ti può riservare delle sorprese negative se non sei consapevole, al cento per cento, delle difficoltà che incontri. Domenica avremo una gara esterna difficilissima a Latina, una squadra di livello. Il nostro scopo, ripeto, è riportare gli allievi alla fase finale visto che l’anno scorso, nonostante l’ottimo lavoro di Bolic, questa squadra non è riuscita ad accedervi per un solo punto. È un obbiettivo al quale teniamo moltissimo dal momento che è una ferita ancora aperta”.

Riccardo Merlini

Dopo la partita persa dai suoi ragazzi contro il Savio, mister Torretti ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al match:

“Con Luigi (Miccio) siamo amici e lo ringrazio per i complimenti. Nel primo tempo ci siamo espressi bene, incontravamo una squadra forte, forse insieme alla Vigor Perconti la più forte del girone. Purtroppo hanno pesato, sul risultato, la scarsa attitudine, della mia squadra, a combattere oltre a degli errori sulle palle inattive e su due dei gol del Savio. Abbiamo concesso un rigore anche oggi e, quando è sistematico, è sintomo di frustrazione mentale a livello psicologico. Sicuramente vi è molta differenza qualitativa tra le due squadre ma non deve essere un alibi, dobbiamo cancellare in fretta questa sconfitta. Il Certosa è ancora un cantiere aperto. Già dalla prossima gara proveremo, a differenza di oggi, ad esprimere il nostro calcio cercando delle conferme positive visto che, quelle negative, le abbiamo già viste tutte”.  

Riccardo Merlini

Continua la marcia trionfale per il Savio capace di mettere a segno, dopo il pareggio della prima giornata a Pomezia, ben quattro vittorie consecutive. A cadere sotto i colpi della banda di Miccio, quest’oggi, è stato il Certosa, sconfitto per 5-2 nonostante un buonissimo primo tempo giocato alla pari, con i padroni di casa, riuscendo a portarsi in vantaggio, con Pacilli, prima dei due sigilli messi a segno da Condrò e Bucur che firmano la rimonta già nella prima frazione. Nella ripresa le reti di Orlandi, Marvosi e Faggiani, inframmezzate dal gol Lucantoni, completano la manita del Savio.  

 Visti i risultati acquisiti fino ad ora, mister Miccio opta ancora una volta per il 4-3-3 con il trio d’attacco formato da Condro, Bucur e Di Biaggio. Torretti risponde schierando i suoi uomini a specchio per contenere le sortite offensive avversarie e, una volta recuperata palla, pungere in ripartenza grazie alla qualità di Pacilli e Siletti.  Basta meno di un minuto al Savio per rendersi pericoloso, partito fortissimo per mette subito in discesa il match: Al termine di un azione ben orchestrata, Bucur libera in area di rigore Perutti ma, il tiro del capitano dei padroni di casa, viene deviato in angolo da un difensore . Dopo i primi minuti di sofferenza, gli ospiti colpiscono, alla prima occasione buona, passano in vantaggio con Pacilli, bravissimo a saltare il suo diretto avversario e a battere Fieramonti con un tiro sul secondo palo. I ragazzi in maglia bianco blu non si fanno intimorire riportando la sfida in parità, dopo appena due minuti, grazie alla punizione letale di Condro che termina la sua corsa vicino al palo alla destra del portiere. La partita si gioca su ritmi altissimi e, al 11’ Giuliano, lasciato colpevolmente da solo in area di rigore, spreca una colossale occasione non inquadrando la porta da due passi. Al 17’ il Savio ha l’opportunità di portarsi in vantaggio ma il tiro di Condro, servito sulla fascia da un lancio lungo, si perde di poco sul fondo. Il numero dieci  del Savio è scatenatssimo e, al 21’, centra clamorosamente il palo al termine di un irresistibile percussione conclusa con la botta dalla distanza. Al 26’ Pagano salva l’equilibrio del match compiendo una grandissima parata sul colpo di testa indisturbato di Di Pinto sugli sviluppi di un calcio d’angolo . Vantaggio per i padroni di casa che arriva al 33’ grazie alla zuccata di Bucur, più lesto di tutti a sfruttare l’uscita a vuoto del portiere nero verde. Il Savio a questo punto dilaga e, al tramonto del primo tempo, Perutti fallisce una grande occasione non riuscendo a spedire in rete il pallone dopo la respinta dell’estremo difensore di Torretti.

Passano pochi minuti dall’inizio della ripresa e Fulchini, dal limite dell’area, arma il sinistro mancando di poco lo specchio della porta. La pressione dei padroni di casa da gli effetti sperati al 7’ quando Orlandi, con un missile terra aria scagliato dalla distanza,  buca un incolpevole Pagano infilando la palla sotto al set. Al 14’ minuto Marvosi, appena entrato, cerca subito la gloria personale sfiorando l’incrocio dei pali con una conclusione da fuori area. I ragazzi di Torretti danno qualche segnale di risveglio andando vicini, al 20’, a riaprire il match con una bella azione, sulla fascia sinistra, terminata con il tiro di Amici sul fondo. Nonostante la reazione ospite sono i ragazzi di Miccio a calare il poker, al 25’, grazie alla conclusione verso il palo lontano di Marvosi che chiude una volta per tutte il match. Prima del triplice fischio di Forte il Certosa riesce ad accorciare le distanze, con la rete messa a segno da Lucantoni, prima della trasformazione, dagli undici metri, di Faggiani che fissa il punteggio sul definitivo 5-2.

Riccardo Merlini

 

SAVIO-CERTOSA 5-2

SAVIO (4-3-3): Fieramonti; Ilari (34’st Vassallo), Lombardo,  Friano, Di Pinto (29’st Tedeschi); Orlando, Fulchini (9’st  Moretti), Perutti ; Di Biagio (12’st Marvosi), Bucur (25’st Fagiani), Condro (17’st Fabi) . A disp: Mignucci. All: Miccio.

CERTOSA (4-3-3): Pagano, Vitelli, Prizzi, , Latrofa, Ledda; Presutti (9’st  Rotundo)., Compagnucci (9’st Amici) , Giuliani; Panza (1’st Lucantoni), Pacilli (17’st Aliberti), Silietti (1’st  Ranalli). A disp: Taurino, Zampetti, Vitulli. All. Torretti.

ARBITRO: Sig. Arianna Forte di Albano Laziale.

MARCATORI: 7’pt Pacilli (C), 9’pt Condro (S), 33’pt Bucur (S), 7’st Orlandi (S), 25’st Marvosi (S), 27’st Lucantoni (C) , 42’st Faggiani (S) rig.

NOTE:

 

Continua la marcia trionfale della Nuova Tor Tre Teste vittoriosa, anche oggi, sul campo della Romulea per 3-1 grazie alla doppietta di Marras e al sigillo, al sedicesimo minuto della ripresa, di Alagna prima del gol della bandiera amarantoro firmato da Gatta. Successo esterno che permette, inoltre, ai ragazzi di Corsi di tenere il passo di Tor di Quinto e Atletico 2000, anche loro prime in classifica a punteggio pieno.  

            

La prima frazione è caratterizzata da un dominio della Nuova Tor Tre Teste, sia di possesso palla che di occasioni create. Passano appena tre minuti di gioco e, in seguito ad un contatto in area tra Ceccarelli e Consoli, la Nuova Tor Tre Teste ha subito la possibilità di sbloccare il punteggio. Sul dischetto si presenta un freddissimo  Marras che non si fa ipnotizzare firmando il sorpasso ospite. Frastornati dallo svantaggio appena subito, la Romulea fatica a reagire subendo le sortite avversarie dei bianco rossi, pericolosissimi con le loro accelerazioni sulle fasce. Al 15’ Capraro, servito in area con un assist millimetrico, si presenta a tu per tu con Fiorilli ma, l’estremo difensore avversario, fa buona guardia deviando il tiro a palombella del centrocampista di mister Corsi. La prima vera occasione i padroni di casa la confezionano intorno al 25’ con il tiro, dal limite dell’area, di Giampetruzzi che termina sopra la traversa. Alla mezz’ora di gioco Marras va vicinissimo alla doppietta personale con un siluro, dalla distanza, che si spegne, di poco, alla destra del portiere. Ospiti che sfiorano ancora una volta il doppio vantaggio, al tramonto del primo tempo, al termine di un azione molto confusa in area di rigore, conclusasi con un nulla di fatto visto che, il tentativo di  Pietrangeli da buona posizione, viene deviato involontariamente da un suo compagno di squadra.

I ragazzi di Corsi, nella ripresa, non perdono tempo raddoppiando dopo appena due minuti di gioco: da un cross dalla sinistra Di Sotto, Fiorilli sbaglia l’uscita lasciando a Marras la possibilità di appoggiare comodamente in porta il suo quinto gol stagionale. Gli ospiti legittimano ancor di più il vantaggio calando il tris, al 16’, con la deviazione sotto porta di Alagna sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Pietrangeli. La partita a questo punto sembra chiusa ma, al 25’, I padroni di casa si riportano in partita quando, su un cross di Lorusso, Gatta anticipa tutti di testa firmando il gol momentaneo 1-3. L’episodio è una boccata di aria fresca per i ragazzi di Belardo che si gettano in avanti, per tentare l’impresa, arrivando ad un soffio dal 2-3, al 36’, con il colpo di testa di Giampetruzzi deviato in angolo da un ottimo intervento di Santilli. Nonostante manchino pochi minuti al termine, la Romulea ci prova fino all’ultimo ad impensierire la difesa della Nuova Tor Tre Teste senza riuscire, però, a trovare la via del gol. Il match, dopo i quattro minuti decretati dall’arbitro, finisce con il punteggio di 3-1.

Riccardo Merlini

 

 

ROMULEA-N.TOR TRE TESTE 1-3

ROMULEA (4-3-3) : Fiorilli, Ponzi, Ceccarelli (38’st Acciaresi), Morcos (22’st Dumbravanu), Greco (23’st Palandri); Pomponi (26’st Meti), Tranquilli, Giampetruzzi; Conte (8’st Gnahe), Gatta (31’st Massaroni), Giordano (19’st Lorusso). A Disp: Mastrantonio, Ballicu. All: Belardo

N.TOR TRE TESTE (4-3-3): Santilli, Cervoni (19’st Marino), Di Sotto (35’st Berardi), Tocci, Alagna; Pietrangeli (16’st Morrea), Paolella (25’st Spizzichino), Capraro (38’st Ugazzi); Stampete (31’st Sordilli), Marras (36’st Pansera), Consoli. A disp: Giori, Pisilli. All: Corsi.

ARBITRO: Sig. Strainu di Albano Laziale.

MARCATORI: 4’pt Marras (NTTT) rig, 3’st Marras (NTTT), 16’st Alagna (NTTT), 27’st Gatta (R).

NOTE: ammoniti: Gatta (R), Cervoni (NTTT), Tranquilli (R).

Strepitosa vittoria per la Vigor Perconti che, con un rotondo 6-0, liquida la Città di Anagni grazie anche alle giocate di un superbo De Bellis, capace di mettere a segno una doppietta dopo aver sbagliato un rigore nel primo tempo. Per i ragazzi di Persia è  la terza vittoria in altrettante partite mentre per i  bianco rossi è la prima sconfitta stagionale dopo due pareggi.

Per centrare il terzo  successo consecutivo, mister Persia schiera in campo i suoi disegnando un  4-3-3 con Tampwo in regia e De Bellis pronto ad inventare partendo dalla fascia sinistra. Foglietta, pur scegliendo lo stesso modulo, si affida alle sponde di Cardinali per aprire la difesa avversaria. Nel primo quarto d’ora di gara, le due squadre si affrontano a viso aperti imprimendo un ritmo gradevole al match. Ciò nonostante, nessuna delle due riesce a creare delle vere occasioni da gol eccezion fatta per alcuni palloni pericolosi crossati in area. Al 20’ l’arbitro assegna un calcio di rigore per un fallo di Fresilli in uscita bassa su De Bellis. Dal dischetto si presenta il numero dieci blaugrana che si fa ipnotizzare dall’ L’estremo difensore della città di Anagni. Vantaggio rimandato di pochissimi secondi per i padroni di casa visto che, sugli sviluppi del calcio d’angolo seguente, Ciufferi è più lesto di tutti ad impattare la sfera battendo Fresilli in uscita. Gli ospiti provano una reazione alla ricerca del pari ma, al 34’, la Vigor allunga le distanze con il tap-in di Iorio dopo il palo centrato, su calcio di punizione, da De Bellis. Nel recupero, l’attaccante blaugrana premia l’inserimento di Oi  in area di rigore ma quest’ultimo, una volta davanti al portiere, pecca di freddezza mandando la sfera alta sopra la traversa.

La prima emozione della ripresa viene confezionata ancora una volta da De Bellis che tenta di sorprendere Fresilli sul primo palo; il portiere bianco rosso, però, fa buona guardia sventando il pericolo in angolo. Al 13’ l’esterno di Persia trova la via del gol freddando il portiere avversario con un tiro sul secondo palo chiudendo, di fatto la sfida. Sulle ali dell’entusiasmo, la Vigor va vicinissima al poker con Giardini che, una volta entrato in area, centra il palo con un tiro in diagonale. Gli attaccanti della squadra di casa sono scatenatissimi e, al 20’, Gamboli, dopo una grande cavalcata, prova la soluzione in diagonale sulla quale Fresilli deve effettuare una gran parata. Poker che arriva sette minuti più tardi grazie alla firma del centravanti casalingo , astuto a sfruttare un errore difensivo in area di rigore. I blaugrana dilagano ancora di più alla mezz’ora con la punizione gioiello di De Bellis che si infila sotto l’incrocio. L’Anagni, con una reazione d’orgoglio, prova a cercare il gol della bandiera con Marra che, da buona posizione, manda alta la sfera. L’ultimo sigillo sulla partita lo mette Oi siglando il terzo gol stagionale chiudendo così la sfida sul punteggio tennistico di 6-0.

Riccardo Merlini

 

 

 

 

VIGOR PERCONTI- CITTà DI ANAGNI 6-0

VIGOR PERCONTI(4-3-3): Casagrande; Iorio(27’ Gambino), Galardi, , Codispoti (23’st Alicino),  Ciufferi(14’st Esposito); Tampwo Oi, Agostini; Gambioli, De Bellis(29’st Mascia),Giardini(30’st Kerxhaliu). A disp: Boni, Muhammad. All: Persia.

CITTà DI ANAGNI(4-3-3): Fresilli; Santonico, Di Folco(20’st Marcucci),  Colasante G., De Bernardinis; Chiodi(1’st Moscardini) ,Mazzocchi (29’pt Gobbo), Colasante D.; Cardinali(10’st Carbone C.) , Marra, Frioni. A disp: Carbone F.,  Di Paola, Pagliaroni, Romani, Merletti. All: Foglietta.

ARBITRO: Sig. Arianna Forte di Albano Laziale

MARCATORI: 22’pt Ciufferi (V), 34’pt Iorio, 13’st De Bellis (V), 26’ Gambioli (V), 28’st De Bellis (V), 40’st Oi (V).

NOTE:  ammoniti: Colasante G.(C), Iorio (V), Ciufferi (V),  Marra (C). Gambioli (V). Giardini (V), Frioni (C).

Basta una settima alla, Vigor Perconti, per mettersi alle spalle il pareggio a reti bianche della settimana scorsa. La banda di Mosciatti torna infatti al successo demolendo il S.Paolo Ostiense  6-1 dimostrando, ancora una volta, di essere una macchina da gol nelle sfide casalinghe.  A portare al successo i blaugrana ci hanno pensato Marchese, autore di una doppietta in dieci minuti, Rossi, Garritano, Cigna e Merola. Di Giannini invece il gol della bandiera ospite.

  Per la sfida odierna, mister Mosciatti si affida al 4-3-1-2 con  Ciufferi dietro al tandem d’attacco formato da Marchese e Garritano. Cardinali risponde disegnando un equilibrato 4-4-2 per arginare la vivacità degli attaccanti avversari. La prima frazione è a senso unico; i padroni di casa spadroneggiano in lungo e largo indirizzando la sfida in appena dieci minuti. La prima emozione del match avviene appena due minuti dopo il fischio d’inizio : da un cross dalla sinistra, Garritano con il tacco prova a sorprendere il portiere trovando solo l’esterno della rete. L’occasione appena creata è solo il preludio al vantaggio blaugrana che arriva, al 3’, grazie al gol firmato da Marchese, pescato con un filtrante in area di rigore, freddissimo, una volta arrivato a tu per tu con il portiere, a battere quest’ultimo con uno scavetto. L’attaccante della Vigor si ripete appena sette minuti dopo mettendo la sfera in rete dopo un’azione molto confusa in area di rigore. Marchese oggi è una furia e, al 16’, va vicinissimo alla tripletta personale; purtroppo per lui, il suo pallonetto, si perde alto sopra la traversa. I padroni di casa sono incontenibili nella prima frazione; ogni volta che accelerano il ritmo delle loro giocate, nel tentativo di trovare il terzo gol di giornata, riescono a sfondare le linee di difesa del S. Paolo. Da una di queste ripartenze, il numero undici dei padroni di casa viene lanciato per l’ennesima volta in porta ma, in questo caso, si fa ipnotizzare da Micheli in uscita.

Il secondo tempo si apre con la Vigor ancora una volta in avanti. Al 2’ Ciufferi arma il desto da posizione defilata mancando la porta per una questione di centimetri. Il gol che chiude definitivamente la sfida arriva appena cinque minuti dopo con il tocco, a porta sguarnita, di Rossi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Al 12’ Angustura si sgancia dalla difesa e, servito in area di rigore dopo una lunga cavalcata, sfiora l’incrocio lontano un tiro di sinistro. Pochi istanti più tardi, Micheli riesce ad evitare che il parziale diventi ancora più pesante neutralizzando il tiro, a botta sicura, di Garritano a due passi dall’estremo difensore. Il centravanti blaugrana trova la gloria personale intorno al 20’ andando a trasformare il rigore procurato da Gagliardi. i ragazzi di Persia dilagano al 23’ mettendo a segno il quinto sigillo con il colpo di testa di Cigna, entrato da pochi minuti in campo. A sorpresa, gli ospiti trovano il gol della bandiera al 26’: da una punizione battuta dalla sinistra, Giannini riesce a sorprendere il portiere grazie anche alla deviazione di un difensore avversario. Al 34’st la Vigor ristabilisce il vantaggio di cinque gol grazie alla rete di Merola che fissa il punteggio sul definitivo 6-1.

Riccardo Merlini

VIGOR PERCONTI-S.PAOLO OSTIENSE 6-1

VIGOR PERCONTI (4-3-1-2): Foglia,Ruggieri, Angustura, Guastella (1’st  Luciani), Rossi; La Matina(1’st Brugnoli), Manfredini (23’st Belfiore), Gagliardi (20’st Cigna); Ciufferi (23’st De Bello);Garritano, Marchese(1’st Merola). A disp: Feudo, Dantimi, Franciosi. All: Mosciatti.

S.PAOLO OSTIENSE (4-4-2): Micheli, Licari, Piro, Giannini, Cirinei (15’st Amata); Ventura(1’st Cecili), Montella(1’st Giuliani), Canzano(35+2’ Scopigno), Pallotti; Conti (18’st Letta), Grassi(22’st Improta). A disp: Natali, giglio,  Sanzo. All: Cardinali.

ARBITRO: Sig.ra Emilia Corradino di Ciampino

MARCATORI: 3’pt Marchese (V), 10’st Marchese (V), 7’st Rossi (V), 19’st Garritano (V) rig., 23’st Cigna (V),  26’st Giannini (SP), 34’st Merola.

NOTE: ammoniti: Marchese (V)

Al termine del match perso dalla sua squadra 4-0 sul campo del Savio, Mister Masi ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla sfida:

“ Siamo stati bravi nel primo tempo a chiudere tutti gli spazi al Savio soffrendo solo sui calci da fermo. Abbiamo avuto anche qualche ripartenza importante nelle quali non siamo riusciti a sfruttare la superiorità numerica. L’espulsione ha condizionato la gara, chi è entrato si è trovato in una situazione difficile. In più i tre gol subiti in dieci minuti ci hanno condizionato ulteriormente. La sconfitta però non ci scoraggerà, siamo convinti delle nostre potenzialità come abbiamo dimostrato la scorsa giornata e in questo primo tempo, siamo una squadra che da sempre tutto in campo. Ai ragazzi non posso rimproverare nulla, in allenamento si impegnano tantissimo e i risultati si vedono sul terreno di gioco”.

Riccardo Merlini

Soddisfatto per il successo ottenuto dai suoi ragazzi, Mister Miccio ha rilasciato alcune osservazioni in merito alla sfida odierna:

“ la pressione avversaria nel primo tempo è stata costante, non siamo riusciti a spostarli da un lato all’altro come volevamo sbagliando anche molti passaggi nella prima frazione. Indubbiamente l’episodio dell’espulsione ci ha facilitati ma, secondo me, noi siamo stati bravi: ho vissuto molte partite nelle quali non si riesce immediatamente a sfruttare la superiorità numerica. I miei ragazzi, invece, sono stati abili a muoverli in ampiezza cercando di sfondare con gli uno contro uno degli esterni aiutati dalle mezze ali e dai terzini infatti i primi due gol sono nati da un inserimento della mezz’ala e da un cross di un esterno basso. Sono soddisfatto per non aver subito gol. a Pomezia comunque non è stata una partita così semplice come si pronosticava.

L’Allenatore del Savio si è soffermato inoltre su Perutti, indicando la via che il ragazzo dovrà seguire per l’esplosione definitiva:

“Deve migliorare molto, ha delle qualità tecniche importanti ma è molto emotivo, quando sbaglia un passaggio si demoralizza rischiando di uscire per alcuni minuti dalla partita. Federico non è una scoperta di oggi, va bene il gol ma per le qualità che ha sbaglia ancora troppi passaggi.”

Infine ha rilasciato alcune dichiarazioni sullo stato di salute di Moretti, uscito nel primo tempo, e sulla sfida della prossima settimana in casa della Polisportiva Carso.

“Moretti ha subito un infortunio al quadricipite, dobbiamo capire se è un problema di natura muscolare o una contusione. Valuteremo il tutto nelle prossime 48 ore.È una partita che ci dirà veramente chi siamo. Questo tipo di gare fatte di agonismo e duelli, a Pomezia, abbiamo dimostrato di soffrirle. L’ultima volta che il Savio è andato li sono stati eliminati ai quarti di finale e quindi i miei ragazzi sono molto coscienti  delle difficoltà alle quali andiamo incontro. Il Carso è una società che ammiro moltissimo: nonostante ogni anno cedano molti ragazzi riescono comunque a rimanere nelle zone alte della classifica.”

Riccardo Merlini

Dopo il pareggio a reti bianche della settimana scorsa, il Savio rialza immediatamente la testa conquistando la sua prima vittoria stagionale, davanti ai proprio tifosi, contro un Albalonga capace di reggere alle folate offensive, della banda di Miccio, fino all’espulsione di Petrosino. A portare in trionfo i ragazzi in maglia arancione ci hanno pensato Bucur, Fagiani e uno strepitoso capitan Perutti, autore di una prestazione eccellente condita con una doppietta.

Pronti via e il match si rivela frizzante, sin dai primi istanti, grazie ai moduli e alle strategie decise dai due allenatori: Miccio si affida al 4-3-3 per fruttare le combinazioni micidiali del suo trio d’attacco, Masi risponde disponendo i suoi uomini a specchio con l’obbiettivo di non lasciare spazio ai fantasisti avversari per poi ripartire velocemente con azioni palla a terra. Al 5’ il Savio si rende pericoloso con Bucur abile a tenere il pallone spalle alla porta e a girarsi. Il suo tiro, però, viene deviato in angolo da un difensore dell’Albalonga. I padroni di casa continuano ad attaccare e, pochi istanti più tardi, Marvosi riesce a sfondare le linee ospite  in seguito ad ottimo scambio con il suo centravanti ma, una volta entrato in area, riesce a resistere ad una spallata avversaria che lo costringe ad un tiro smorzato, che si perde sul  fondo, in precario equilibrio. I tre attaccanti di Miccio duettano benissimo e, al 12’, Condrò trova lo spazio giusto per calciare dal limite mandando la sfera sopra la traversa per una questione di centimetri. L’Albalonga risponde qualche minuto più tardi andando vicinissima al vantaggio sul tiro cross di Scalia, arrivato al termine di una palla recuperata grazie ad una grande pressione fatta dagli ospiti, sul quale nessuno dei suoi compagni riesce ad intervenire. I ragazzi in maglia arancione non si lasciano intimorire dagli ospiti reagendo immediatamente: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Ilari si ritrova a concludere da buona posizione ma, il suo tiro di prima, viene bloccato da Scaccia. È Ancora una volta il terzino del Savio a rendersi pericoloso al 32’ questa volta con un incornata, sempre su calcio d’angolo, che fa il pelo alla traversa. Allo scadere della prima frazione avviene l’episodio che cambia le sorti del match: gli ospiti rimangono in dieci per la gomitata di Petrosino, uno dei due centrali di difesa, ai danni di Marvosi. Per ovviare a questa mancanza nel reparto arretrato, Masi abbassa Gasperini nel ruolo di difensore centrale fino alla fine del primo tempo che termina a reti bianche.

Sin dal primo minuto, Miccio è costretto a fare a meno Moretti, uscito malconcio dal primo tempo, sostituito da Alessandri. Masi, dopo aver adattato Gasperini nel ruolo di centrale, ridisegna la sua squadra riportando il numero 4 al suo ruolo naturale con l’ingresso di Suozzi nel ruolo di terzino e Zuccaro posizionato in mezzo alla difesa.  La resistenza degli ospiti in inferiorità numerica dura poco visto che, al 5’, capitan Perutti porta in vantaggio i suoi al termine di una grande percussione prima del tiro sul quale Scaccia riesce solo a toccare non riuscendo ad evitare la marcatura avversaria. Per i padroni di casa la strada è tutta in discesa e, al10’, Condrò fornisce un assist al bacio, dopo aver seminato il panico sulla fascia, per Bucur che ringrazia firmando il gol del raddoppio. Il tris arriva due minuti più tardi firmato ancora una volta da Perutti, bravissimo a mettere la sfera all’incrocio dei pali. Nonostante il triplo svantaggio, l’Albalonga riesce a confezionare un occasione pericolosa da calcio da fermo: Scalia tenta la conclusione da una punizione dalla destra che si abbassa con un secondo di ritardo. Con il match ormai chiuso i padroni di casa trovano il tempo per siglare il quarto gol della giornata, nato da un ottima azione sulla fascia destra conclusa per il cross rasoterra di Ilari per Fagiani che appoggia per il più facile dei gol. negli ultimissimi minuti il Savio dilaga ancor di più e solo due ottimi interventi di Testa, subentrato a Scaccia, evitano che il parziale diventi più pesante, per gli ospiti, rispetto al 4-0 con il quale termina il match.

Riccardo Merlini

SAVIO-ALBALONGA 4-0

SAVIO (4-3-3): Fieramonti, Ilari, Lombardo (15’st  Fulchini), Friano (17’st Di Pinto), Vassallo; Orlando (13’st Fabi), Perutti (20’st Fagiani), Moretti (1’st  Alessandri); Bucur, Condro, Marvosi (10’st Turchetti). A disp: Mignucci. All. Luigi Miccio

ALBALONGA (4-3-3): Scaccia (28’st Testa), Zuccaro (15’st Compagnucci), Zitarelli (31’st Grazioso) ,Petrosino, Calin; Gasperini (10’st Schiena), Savaglia (24’st Treiani), Gagliardi; Cimini(20’st Cosentino), Scalia, Fortini (1’st Suozzi). All. Muarizio Masi

ARBITRO: Sig. Simone Spagnoli di Tivoli

MARCATORI: 5’st Perutti (S). 10’st Bucur (S). 12’st Perutti (S). 32’st Fagiani (S).

NOTE:  Ammoniti: Fabi (S) Fulchini (S).Espulsi: Petrosino (A).

Inizia con una vittoria esterna la stagione 2018\2019 della Pro Calcio Tor Sapienza. I ragazzi di mister Giuliani riescono infatti ad espugnare il campo dello Spes Artiglio grazie alle reti di Papa nel primo tempo e, nella ripresa, di Ronga e Giordani  rendendo vano il momentaneo pareggio neroazzurro di Battistoni.

Prima frazione molto emozionante  giocata ad alti ritmi da entrambe le compagini desiderose, entrambe, di partire con il piede giusto in questa nuova stagione. la prima emozione del match arriva dopo  appena tre minuti:  Casali  tenta la pennellata su calcio di punizione, dalla sinistra, mancando di poco l’incrocio dei pali. Il Tor Sapienza risponde al 12’ con Papa che, su cross dalla sinistra di Cordova, tenta la conclusione al volo ma il tiro viene respinto in angolo da Giordani. L’appuntamento con il gol è solo rimandato per il numero 9 gialloverde bravissimo, proprio sugli sviluppi del successivo calcio da fermo, a portare in vantaggio i suoi con un colpo di testa sul secondo palo che beffa l’estremo difensore. La Spes non si fa intimorire creando immediatamente un occasione con Barone ma, la conclusione di quest’ultimo, è debole venendo parata  agevolmente da Marciani. Al 20’ arriva il pareggio neroazzurro firmato da Battistoni grazie ad un potentissimo diagonale da posizione defilata sul quale, il portiere giallo-verde, non può nulla. Sulle ali dell’entusiasmo, il trequartista della squadra di casa si rende ancora una volta pericoloso concludendo dal limite dell’area con il sinistro non inquadrando di poco lo specchio. Questa è l’ultima emozione dei primi 35’ che si chiudono sul risultato di 1-1.

.La ripresa si apre nella stessa maniera della prima frazione: dopo pochi minuti Casali riarma il destro su punizione ma Marciani fa buona guardia deviando il tiro lateralmente. Nonostante il pericolo appena passato, i ragazzi di mister Giuliani trovano la forza di portarsi in vantaggio grazie alla zuccata da ottima posizione di Ronga, imbeccato in area di rigore sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da sinistra. Approfittando del momento positivo, è ancora il Tor Sapienza  a rendersi pericoloso con Papa che, al termine di una portentosa percussione, scossa la conclusione parata in due tempi da Marciani. L’Artglio dopo lo svantaggio attacca a testa bassa ma sono i gialloverdi ad andare vicini al punto del 3-1 per ben due volte: prima con il tiro deviato da un difensore di Papa, poi con la sforbiciata centrale tentata da Nardini. Con la forza della disperazione, al 32’ Corrado, da buona posizione ma scordinato, conclude alto sopra la traversa. In pieno recupero arriva il gol di Giordani che, con un tiro all’angolino di sinistro, chiude definitivamente il match sul punteggio di 1-3 al termine di un secondo tempo meno emozionante e sicuramente più nervoso e duro della prima frazione caratterizzato dall’alto numero di cartellini gialli estratti da  Mazzotta.

Riccardo Merlini

SPES ARTGLIO-PRO CALCIO TOR SAPIENZA 1-3

SPES ARTIGLIO (4-3-1-2):  Giordani;Orlandi (12’st Paniconi (28’st Tramontin)), Casali A., , Mainelli, Casali F.; Morelli Cioffredi, Costarelli (20’st Baldazzi; Battistoni (8’st  Di Rocco);Barone (10’st Frrokaj),  Corrado.  A disp: Camera, Liviano Darcangelo,  La Civita,    Marallo. All: Fossi

PRO CALCIO TOR SAPIENZA (3-4-3): Marciani; Giorgetti, Ronga, Cordova; Nardini G., Muscolo, Cucca (14’st Aliteni), Giordani  (35+4’ Proietti); Akenwa (1’st Zequiri), Papa (35+2’ Daneri),  Nardini M. A disp: Iacobucci, Campanile L, Campanile A. All. Giuliani.

ARBITRO: Sig. Antonio Mazzotta di Tivoli

MARCATORI: 12’pt Papa (T),20’pt Battistoni (SA). 4’st Ronga (T), 35+4 Giordani (T)

NOTE: ammoniti: Morelli (SA). Giordani (T), Papa (A). Cioffredi (A),Paniconi (A).

Pagina 1 di 6

Ultimi Tweets

#Under17Elite il VIDEO dell' intervista a mister Cacciapuoti del SS. Michele e Donato Calcio https://t.co/Yk9f2Sdkoi
La GSD NUOVA TOR TRE TESTE tiene il passo dei giallorossi, rallenta il USD Tor di Quinto calcio, Frosinone Calcio,… https://t.co/SmJL10Kcm4
#Under17Elite il VIDEO dell' intervosta a mister Ripa dell' Urbetevere Calcio https://t.co/dy0BiqnX5j
Follow Fuoriarea.it on Twitter