Ottobre 14, 2019
Riccardo Merlini

Riccardo Merlini

Giovanissimi Elite, 26a giornata: l’Accademia si impone sul campo dell’Aurelio in virtù di un ottimo primo tempo concluso con due reti di vantaggio.

Colpaccio esterno per l’Accademia Calcio Roma che, con un sonoro 1-3 ai danni dell’Aurelio, espugna il “Don Calabria” e torna al successo dopo più di un mese indirizzando la partita con due gol in pochi minuti, nel primo tempo, per poi chiuderla ad inizio ripresa.  l’Aurelio, invece, non riesce a dare continuità alla vittoria esterna ottenuta domenica scorsa sul campo della Romulea.

 Mister Frattali, lasciando in panchina Sottile e Catarinozzi per fare un po’ di turnover, manda in campo i suoi ragazzi disegnando un 4-3-3 con Di Maio a protezione dei pali; Mazzoni, Tozzi, Mencarini e Trinca a formare la retroguardia, Sarigu, Lavoro e Cimaglia a centrocampo e il tridente  con da De Angelis, Villa e Scarabotti pronti a pungere la difesa avversaria. Primavera risponde schierando i suoi con lo stesso modulo formato da Levantini in porta; Dominici, Piacente, Pingaro e Costa in difesa; Crognale, Landi e Di Martino in mediana e  Caldarelli, Ghita e De Nardo in attacco. Nei primi dieci minuti  le due squadre giocano prevalentemente a centrocampo faticando, però, a creare dei pericoli ai portieri delle due formazioni. Alla prima occasione buona gli ospiti si portano avanti con Cardarelli, bravissimo a sfruttare un cross di Dominici e la disattenzione della retroguardia dell’Aurelio per battere Di Maio. Galvanizzati dal vantaggio, l’Accademia allunga sugli avversari grazie alla grande giocata di De Nardo che, arrivato al limite dell’area dopo una straripante percussione, fredda l’estremo difensore granata con un diagonale che si infila alla sinistra del portiere. Sono ancora gli ospiti a creare un occasione: Di Martino calcia una punizione dalla sinistra sulla quale di Maio è costretto a mettere la palla sopra la traversa. La prima frazione si chiude con gli ospiti meritatamente in vantaggio di due lunghezze e i padroni di casa incapaci di creare una sola occasione da gol nei primi quaranta minuti.

 Visto la prestazione nel primo tempo dei suoi ragazzi, nella ripresa Frattali inserisce, sin dal primo minuto, Catarinozzi e Sottile nel tentativo di riaprire il match grazie alla qualità dei due subentrati. I cambi, inizialmente, sembrano dare i risultati sperati visto i padroni di casa alzano il ritmo delle giocate creando qualche situazione pericolosa dalle parti di Levantini. L’ardore mostrato dai padroni di casa nei primi minuti si spegne ben presto perché, a trovare la via del gol, è l’Accademia: sugli sviluppi di una situazione di mischia, Landi appoggia la palla in rete per il più facile dei tap-in dando ancor di più un indirizzo ben preciso alla partita. L’Aurelio solo verso il tramonto del match riesce a segnare il gol della bandiera con Catarinozzi, aiutato anche da una deviazione avversaria, rendendo così meno amara la sconfitta per i granata.

Riccardo Merlini

 

AURELIO FIAMME AZZURRE – ACCADEMIA CALCIO ROMA 1-3

AURELIO FIAMME AZZURRE (4-3-3): Di Maio; Mazzoni, Tozzi, Trinca (14’st  Lappa), Mencarini (9’st Iaia); Cimaglia (6’st Giuliani), Sarigu, Lavoro (1’st Sottile);  De Angelis (1’st Catarinozzi), Villa (6’st De Matteis), Scarabotti (5’st Baroni). All. Frattali

ACCADEMIA CALCIO ROMA (4-3-3): Levantini; Dominici, Piacente (24’st Romeo), Costa, Pingaro; Crognale, Landi (11’st Petruzzi), Di Martino (16’st Di Giulio);  Caldarelli (26’st Giorgi), Ghita (9’st Di Biscegli),  De Nardo (21’st Lipperi). A disp: Venanzi. All. Primavera.

ARBITRO: Cristian Giorgetti di Roma 1

MARCATORI: 16’pt Caldarelli (AC), 23’pt De Nardo (AC), 9’st Landi (AC). 35’st Catarinozzi (A).

NOTE: ammoniti: De Nardo (AC), Cimaglia (A)Sarigu (A), Catarinozzi (A), Lappa (A), Iaia (A), Piacente (AC), Costa (AC), Di Martino (AC), Di Biscegli (AC). Espulsi: Cimaglia (A)

Allievi Elite, 26° giornata: L’Aurelio infila il secondo successo di fila sconfiggendo uno a zero l’Urbetevere grazie ad un gol nel finale di Bote. Secondo stop consecutivo per i ragazzi di Onorati.

Successo prestigioso quello ottenuto oggi dall’Aurelio, sul proprio campo,  contro un Urbetevere sottotono e carente di motivazioni visto il mancato accesso alle finali. A decidere la sfida è stato Bote negli ultimi istanti di partita trascinando i granata alla seconda vittoria consecutiva ,dopo il trionfo esterno di domenica scorsa sul campo del Giardinetti, al termine di un match nel quale le due squadre hanno creato molte occasioni da gol e solo una super prestazione dei portieri ha evitato che la gara terminasse con un punteggio più alto.

 Marinelli manda in campo i suoi con il 4-3-3 con Filippo in porta; Petroni, Nicolai, Dogali e Meluzio in difesa, Cala, Di Biagio e Piscopello a centrocampo e Cardoso, Bote e Conti a formare il terzetto offensivo. Onorati risponde con il medesimo modulo schierando Falconi tra i pali; Cerri, Chila, Angelucci, Francaviglia in difesa; Califano, Taglioni e Biondi a metà campo e Marras, Fornetti e Nuzzo in attacco. La prima emozione del match arriva all’undicesimo minuto e, a costruirla, sono i padroni di casa: su un angolo battuto dalla destra, Cala incorna di testa ma la conclusione è centrale e viene bloccata dal portiere. Al ventesimo minuto Di Biagio, con una punizione calciata rasoterra, prova a trovare il palo lontano ma Falconi fa buona guardia parando a terra. Sono ancora i ragazzi di Marinelli a rendersi pericolosi questa volta sfruttando una ripartenza veloce: Conte viene servito sulla fascia e, con un traversone,  pesca in area Bote che non riesce a impattare la sfera da ottima posizione. Al ventisettesimo l’Urbetevere si scuote andando vicina al vantaggio con Fornetti che, con un tiro da posizione defilata, trova la pronta risposta di Filippo. L’azione creata è solo un fuco di paglia perché, al trentatreesimo, Cardoso si ritrova a tu per tu con il portiere, in seguito una respinta corta dell’estremo difensore, con quest’ultimo che si rifà sull’esterno granata murandogli la conclusione. Prima del duplice fischio, Conte spara sopra la traversa una conclusione da dentro l’area aumentando i rimpianti per un primo tempo terminato in pareggio nonostante le numerose occasioni create, sia su palla da fermo che in ripartenza, nei primi quaranta minuti.

 Passano pochi istanti dall’inizio della ripresa e Di Biagio, dal limite dell’area, tenta la conclusione che viene neutralizzata dal neo-entrato Baldinetti. Al sesto minuto Fornetti, sfruttando un indecisione in uscita di Filippo, riesce a colpire la sfera non superando però l’estremo difensore. Dall’altro lato del campo, il portiere in maglia bianca salva ancora il risultato andando a prendere una conclusione ravvicinata di Meluzio sugli sviluppi di una punizione. Continuano a macinare occasioni i padroni di casa e, questa volta, Baldinetti viene salvato dal palo sulla botta dalla distanza di Di Biagio. AL ventiquattresimo arriva la risposta   dei ragazzi di Onorati  con Marloni che incrocia un traversone proveniente dalla destra ma, la sfera, viene bloccata da Filippo. L’occasione sembra aver dato una nuova marcia agli ospiti visto che vanno un’altra volta vicino al vantaggio con Stefani autore di una bellissima conclusione dalla distanza che costringe Filippo ad un grande intervento. Dopo il ritorno degli avversari, L’Aurelio prova il colpaccio in ripartenza e, al trentacinquesimo, Tagliaferri entra in area di rigore, dopo una corsa da metà campo, concludendo, però, debolmente sul fondo. Alla fine, i padroni di casa riescono a portarsi in vantaggio con Bote che, da pochi passi, insacca incornando un cross di Tagliaferri conducendo così la sua squadra al successo.

Riccardo Merlini

AURELIO FIAMME AZZURRE – URBETERVERE 1-0

AURELIO FIAMME AZZURRE  (4-3-3): Filippo; Petroni, Nicolai, Dogali, Meluzio; Cala (27’st Costa),  Di Biagio, Piscopello; Cardoso (28’st Tagliaferri), Bote (40’st Pelillo), Conte (34’st Madocci). A disp: Allad, Vicerè, Ciaglia. All. Marinelli

URBETERVERE (4-3-3): Falconi (1’st Baldinetti); Cerri (40’st Appetecchia), Chila, Angelucci, Francaviglia; Califano (19’st Arcella), Taglioni, Bolli (19’st Biferari); Marras, Fornetti (27’st Stefani), Nuzzo (14’st Malorni). All. Onorati.

ARBITRO: Sig. Vincenzo Notaro di Roma 1

MARCATORI: 38’st Bote (A)

NOTE: ammoniti: Arcella (U).

Giovanissimi Elite fascia b, 25° giornata: la Lodigiani espugna il “Raimondo Vianello” mantenendo così il vantaggio  di cinque punti sulla Vigor Perconti.

Vittoria mai messa in discussione quella della Lodigiani contro il Savio. Al “Raimondo Vianello” la squadra biancorossa si impone mettendo a segno due reti in pochi minuti gestendo poi il resto della gara senza concedere nulla ai padroni di casa. Per i ragazzi di Babini e la seconda vittoria consecutiva utilissima, oltre che per la classifica, anche per il morale in vista del big match settimanale con la Lazio.

 Moduli e strategie differenti quelli messi in campo dai due mister: Bonanni disegna un 4-4-2 affidandosi alle giocate di Di Lauro e Abatneh, Babini risponde schierando i suoi con il 4-3-3 per scardinare la difesa bianco blu sulle fasce grazie alla continua spinta dei suoi esterni, sia offensivi che difensivi .Sin dai primi minuti le due squadre imprimono un ritmo al match senza riuscire, però, a scardinare le rispettive difese. Al nono minuto, Merola accelera sulla fascia e, arrivato al limite del l’area, calcia con il destro mandando la sfera di poco alta sopra la traversa. Intorno al ventesimo, i biancorossi riescono a sbloccare il punteggio con Bartolini, lestissimo a trasformare in gol un traversone di Timpani. Gli ospiti ne approfittano del momento positivo allungando immediatamente le distanze: dopo un lancio lungo dalla trequarti, la difesa del Savio sale male lasciando Evangelisti da solo in area che non fallisce da pochi passi. A questo punto del match, la Lodigiani gestisce il risultato non concedendo nulla agli avversari e, la prima frazione, si chiude con il punteggio di zero a due.

Il secondo si apre seguendo la falsa riga del primo tempo: la Lodigiani controlla sfida creando delle occasioni con accelerazioni improvvise. Da una di queste, Perez mette in mezzo all’area in interessantissimo cross sul quale Del Canuto riesce ad anticipare il difensore non trovando, però, lo specchio della porta. Il difensore biancorosso, dopo aver guidato l’azione precedente, prova a trovare la gloria personale con un tiro al volo, dal limite dell’area, che si spegne alto sopra la traversa. Con una reazione di orgoglio, i padroni di casa provano a riaprire il match guidati da Di Lauro che, con una bella giocata, si libera in area di rigore ma il suo tiro viene parato agevolmente dal portiere. Con il match ormai concluso, i due mister iniziano la girandola di cambi dando spazio anche ai portieri di riserva e il match si conclude con la vittoria degli ospiti che mantengono, inoltre, la porta inviolata grazie anche alle sontuose prestazioni di Perez e Igini, concentrati per tutti i settanta minuti di gioco rendendosi così insuperabili per gli attaccanti del Savio.

Riccardo Merlini

SAVIO – LODIGIANI 0-2

SAVIO (4-4-2): La Marra (23’st  Palmieri); Boschi (22’st Brugnoli), Amoruso, Palamara (1’st  Amici), Bonomo;  Celli (27’st  Polanco), Nardi, Cialone ( 20’st Salvini), Battistoni (1’st Pignataro).; Abatneh (6’st Fravoli), Di Lauro. All. Bonanni

LODIGIANI (4-3-3): Pirrone (30’st  Vicini); Luciani (24’st Facioni), Perez, Igini, Merola(20’st Tucciarelli); D’Antoni (27’st Di Bernardini), Pera, Evangelista (20’st Vasciaveo);  Timpani (15’st Calzetta), Del Canuto, Bartolini (15’st Cosimi). All. Babini

ARBITRO: Sig. Alessio Di Virgilio di Roma 2

MARCATORI: 18’pt Bartolini (L), 20’pt Evangelisti (L).

NOTE: Ammoniti: Igini (L).

Juniores Elite, 25° giornata: Mancini entra nel secondo tempo decidendo la sfida tra Savio e Torrenova con il suo quattordicesimo centro stagionale. Continua la corsa ai playoff per i bianco blu.

Vittoria importantissima per il Savio, contro il Torrenova, al termine di un match sofferto nel quale gli ospiti  hanno provato, fino all’ultimo, a portare a casa un pareggio che sarebbe stato fondamentale in chiave salvezza. A decidere la gara è stata una zampata di Manicini nel secondo tempo che regala tre punti fondamentali, al Savio,  per rimanere a contatto con  Romulea terza classificata.

Mister Vergari, pur dovendo far a meno di Mancini dall’inizio, non rinuncia al suo  collaudatissimo 3-5-2 schierando Canepa  e Chiusolo come coppia d’attacco. Brunetti, invece, punta sul classico 4-4-2 per chiudere tutti gli spazi agli avversari e poi ripartire velocemente sulle fasce grazie Di Cristo e Mbadiga. Il primo pericolo alla porta avversaria viene portata dagli ospiti con Mbadgiga che, con un cross dalla destra, trova sul secondo palo di Cristo ma, il colpo di testa dell’esterno in maglia nera, è debole e viene bloccato facilmente dal portiere. Intorno alla mezz’ora sono ancora i ragazzi di Brunetti ad andare vicini vantaggio e solo un intervento di Mancini, bravissimo a rimanere in piedi sulla finta di Oriaki, lascia il risultato in parità. il Savio non si fa demoralizzare dalla partenza forte dei suoi avversari trovando la via del gol pochi istanti più tardi: da un lancio proveniente dal centrocampo, Canepa riesce ad inserirsi tra le maglie avversarie e, davanti all’estremo difensore, lo fredda con un delizioso pallonetto siglando così il dodicesimo gol stagionale. Al trentasettesimo minuti il Torrenova riesce a rimettere in equilibrio il risultato con Mbagiga che, con un tiro di contro balzo da posizione defilata, trova l’incrocio dei pali lontano. A questo punto del match il Savio ha una reazione rabbiosa andando per ben due volte vicino al due a uno ma, in entrambi i casi, Troiano pecca di freddezza sprecando due occasioni a pochi metri dalla porta. È ancora una volta l’esterno in maglia bianca a confezionare un'altra occasione pericolosa calciando una punizione rasoterra sulla quale Giuliani si deve superare per evitare il gol.

Consapevoli dell’importanza dei tre punti oggi, i padroni di casa alzano il ritmo delle proprie giocate per portare a casa il bottino pieno e, al terzo minuto, Podda è autore di una serpentina, al limite del l’area, per liberarsi e calciare da buona posizione ma, la sua conclusione, viene parata in due tempi del portiere. Il Savio continua a spingere sull’acceleratore e, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la sfera attraversa tutta l’area prima di venir colpita di Testa da Passeri il quale non trova la rete solo per il salvataggio, sulla linea di porta, da parte di Chimeri. Al ventesimo Vergari butta nella mischia Mancini, il suo bomber, nel tentativo di sbloccare il risultato. La mossa sorride immediatamente al mister biancoceleste perché, il numero quattordici, porta in vantaggio i suoi appoggiando in rete, in posizione dubbia, un colpo di testa di Passeri. Da un errore difensivo ospite, Mancini riesce a partire in velocità e, una volta entrato in area, calcia sul primo palo trova l’opposizione  di Giuliani ed è questa l’ultima emozione della giornata con il match che termina con il risultato di due a uno.

Riccardo Merlini

SAVIO – TORRENOVA 2-1

SAVIO (3-5-2): Mancini Gabriele; Passeri, Amente, Lanzeri; Troiano, De Masi (30’st Namoume), Scartocci (17’st Cimei), Podda, Volpe (7’st Sebastianelli); Canepa (37’st Kantor), Chiusolo (19’st Mancini). A disp:  Giovagnoli. All. Vergari

TORRENOVA (4-4-2): Giuliani;  Scimia, Fares, Chimeri, Renda;  Marcangeli, Mbadgiga, Chiacchia (439s’t Staroccia), Di Cristo (34’st Russo); Nuovo, Oriakhi. A disp: Allegrezza, Lucchetti, Chialastri, Blasi. All. Brunetti.

ARBITRO: Sig. Flavio Molinari di Tivoli.

MARCATORI: 29’ Canepa (S). 37’pt Mbadiga (T). 22’st Mancini (S)

NOTE: ammoniti: Scartocci (S). Di Cristo (T). Mancini (S),Sebastianelli (S).

L’Albalonga, quinta in classifica nel girone B del campionato Elite, è sicuramente la squadra rivelazione di questa stagione. Partiti per puntare alla salvezza, la comitiva bianco-blu la sta riuscendo ad andare ben oltre le aspettative di inizio anno sconfiggendo, inoltre, avversari importanti come la Lodigiani e la Polisportiva Carso. Mister Pagliuca, evidentemente soddisfatto dei i risultati raggiunti da i suoi ragazzi fin ora, ha commentato così il campionato sin qui disputato dalla sua squadra:

“Il momento è buono ma lo è ancor di più il campionato che stiamo portando avanti. Abbiamo avuto anche dei momenti negativi nei quali i ragazzi sono riusciti a non frasi scoraggiare reagendo nel migliore dei modi . Il nostro obbiettivo principale è stato sempre la salvezza ma, con l’andare delle partite, abbiamo visto che si poteva raggiungere qualche risultato in più. Non dobbiamo dimenticarci, però, che davanti a noi ci sono squadre più attrezzate come la Polisportiva Carso e la Lodigiani e noi, partita per partita, andiamo avanti per la nostra strada. Il nostro obbiettivo quindi, allo stato attuale,  è dare il meglio in ogni gara e, tutto quello che verrà, sarà solo di guadagnato. Questo è un gruppo che è riuscito, l’anno scorso, ad arrivare quarto nel campionato regionale e, il 90% della squadra attuale, ha l’ossatura dell’anno scorso con soli tre giocatori che, fino a quest’anno, avessero già giocato  nel campionato Elite. Contando la mancanza di esperienza di questa categoria da parte di molti giocatori, stiamo sin qui disputando una stagione assolutamente eccellente”.

Provenienti da quattro vittorie nelle ultime cinque partite, L’Albalonga domenica sarà impegnata sul campo del Tor Tre Teste in un match fondamentale, per la corsa ai play-off, dal momento che i rosso-blu, terzi in classifica, hanno solo un punto di vantaggio sulla loro prossima avversaria. A pochi giorni dalla sfida, l’allenatore bianco-blu ha dichiarato che:

“Domenica avremo di fronte una corazzata che punta alle finali e, come in tutte le partite disputate fino ad ora, ce la metteremo tutta per raggiungere il miglior risultato possibile. Andremo sul campo del Tor Tre Teste giocando la nostra partita sapendo che, anche in caso di sconfitta, non sarebbe comunque una disfatta. Disputeremo la gara senza l’ansia del risultato visto gli ottimi risultati sin qui ottenuti in campionato”.

Riccardo Merlini

Momento magico quello vissuto ultimamente, dalla Nuova Tor Tre Teste. Con quattro vittorie conquistate nelle ultime cinque partite, la squadra rosso-blu è riuscita a mantenere la prima posizione respingendo l’assalto delle concorrenti, lontane poche punti in classifica. Mister Emiliano Corsi, soddisfatto per il percorso svolto sin qui dai suoi ragazzi, predica comunque calma :

“Siamo consapevoli che, il nostro, è un campionato nel quale regna l’equilibrio. Nel girone di ritorno siamo riusciti a portare a casa qualche punto in più ma non dobbiamo illuderci per la prima posizione conquistata: alle nostre spalle abbiamo tre squadre attaccate e, quelle un po’ distaccate, possono rientrare nella corsa ai playoff visto che mancano ancora sette giornate alla fine con tanti sconti diretti da affrontare. Siamo abbastanza soddisfatti del nostro percorso ma dobbiamo giocare ancora molte gare che possono darci come toglierci molti punti fondamentali per raggiungere le finali”.

La chiave per il successo di questo gruppo passa sicuramente per l’ottima produzione offensiva: con 58 reti sono il miglior attacco del campionato e, di quest’ultime, 21 sono state firmate da Felici, il capocannoniere del girone. Corsi si è soffermato anche su questo punto affermando che:

“Il nostro segreto è il lavoro di gruppo, non quello di un singolo. È vero che abbiamo in squadra il capocannoniere del girone e, probabilmente, del campionato Allievi. Mattia (Felici) non fa gol da solo ma dietro vi è un lavoro di tutta la squadra. Siamo soddisfatti che il giocatore stia trovando la via del gol con regolarità ma è un merito che va condiviso con tutti quanti. Il noi all’interno dello spogliatoio prevale sull’io. Abbiamo un gruppo che, se dovesse continuare a seguire questi valori, probabilmente potrebbe puntare a qualcosa di importante”.

Infine, il mister della squadra di Roma est ha parlato della prossima sfida che attenderà i suoi ragazzi, tra due settimane a causa del meteo, contro la Polisportiva Carso:

“Ci dispiace per il rinvio della prossima partita perché a noi piace giocare, fosse per noi scenderemmo in campo tutti i giorni. Cominciamo comunque a preparare la partita sin da subito perché ci aspetterà una gara difficile in casa del Carso: il campo è in terra, si dovrà giocare con il coltello tra i denti e, sportivamente parlando sarà una battaglia. Ci vorrà tanto carattere, cuore e determinazione per portare a casa un risultato soddisfacente”.

Riccardo Merlini

Dopo il pareggio in casa della Polisportiva De Rossi, il Tor Sapienza ha conquistato una pesantissima vittoria sconfiggendo, davanti a propri tifosi, la Romulea 3-2. A distanza di qualche giorno, mister Bramante si è soffermato sul match di domenica scorsa:

Questa vittoria è molto importante per la salvezza come lo era lo scontro diretto con la Polisportiva De Rossi. Contro quest’ultima non abbiamo vissuto il match nella maniera giusta, anche se la squadra ha creato molte occasioni non riuscendo, però, a concretizzarle oltre alle due espulsioni  subite  figlie del nervosismo della squadra. Contro la Romulea ho visto i miei ragazzi in crescita e, ora, dovremo essere bravi a mantenere alta la concentrazione. L’ultima sfida è stata soltanto una tappa che ci potrà portare al nostro obbiettivo finale, raggiungibile soltanto rimanendo su questa strada il più a lungo possibile.

Domenica la compagine di Roma est sarà impegnata sul campo del Latina S. Sermoneta per dare continuità al successo della scorsa giornata. Bramante ha commentato la prossima sfida affermando che:

“Per noi ormai sono tutte finali, dobbiamo tentare di fare più punti possibili con tutti. Quella di domenica sarà una partita importantissima perché in nostri diretti avversari sono impegnati su campi difficili come lo è anche il nostro per tanti motivi: è una trasferta lunga e il Latina sono una buonissima squadra come è testimoniato anche dalla classifica. Sarà una partita molto insidiosa dove, per sperare di raggiungere la vittoria, dovremo mettere in campo tutto il coraggio e la determinazione che abbiamo messo domenica scorsa”.

Riccardo Merlini

La Città di Ciampino è sicuramente la squadra rivelazione del girone B. Con ben trentasei punti conquistati fino ad ora, la compagine blu-bianco-rossa si ritrova a soli cinque punti dalla terza posizione, ultima utile per il passaggio alle finali. Sull’ottimo campionato fin qui svolto dai suoi ragazzi, mister Maistrello ha rilasciato alcune dichiarazioni affermando che:

“Fino ad oggi il nostro obbiettivo rimane la salvezza. Veniamo da un buon momento di forma nel quale abbiamo raccolto quattro vittorie ma, a breve, avremo tre partite importantissime con Lodigiani, Polisportiva Carso e Vigor Perconti e da queste partite possiamo uscirne bene come possiamo uscirne male. Ai miei ragazzi parlo sempre sincero, gioco sempre per le vittorie iniziando a preparare la sfida successiva sin dal lunedì. Non tolgo comunque l’occhio dal terzo posto, ci dividono solo cinque punti e, con qualche vittoria importante, possiamo comunque sperare. Noi stiamo facendo bene, i ragazzi hanno ripreso l’entusiasmo venuto meno dopo qualche risultato non molto positivo e, sin da sabato, entreremo in campo con la spensieratezza e la voglia di conquistare i tre punti”.

Infine l’allenatore ha commentato la sfida di sabato contro la Lodigiani, di fatto uno scontro diretto vista la distanza di appena due punti che separa le due squadre:

“Sabato incontreremo una squadra importante come la Lodigiani. Loro sono partiti con un obbiettivo diverso dal nostro, ovvero quello di conquistare le finali. Hanno delle ottime individualità e noi daremo il massimo contro di loro. Sarà sicuramente  uno scontro diretto ma , fortunatamente, in questa stagione ne abbiamo giocati altri per quanto riguarda la bassa classifica sapendo, di conseguenza,  quale sia l’approccio per questo tipo di partite”.

Riccardo Merlini

 

Nell’ultima giornata del campionato Allievi Elite, il Grifone Monteverde ha ottenuto un’importantissima vittoria, sul proprio campo, contro il Civitavecchia che gli ha permesso di portarsi a solo un punto dal terzo posto. A qualche giorno di distanza, mister Calcagni è ritornato sulla sfida di domenica scorsa affermando che:

“È stata una vittoria significativa per la classifica. Avrei preferito che fosse stata più netta ma abbiamo trovato contro un Civitavecchia agguerrito, molto attento che ci ha reso la vita difficile. Sono tre punti necessari per rimanere attaccati al gruppo della Vigor che, probabilmente, ha qualcosa in più a livello di organico e continuità. Ora insieme al Certosa, Savio e Ostia mare ci giocheremo l’accesso ai play-off.

Inoltre, l’allenatore rosso-blu si è soffermato sull’ottima produzione offensiva della sua squadra, secondo miglior attacco del torneo con cinquantaquattro reti:

“Sicuramente abbiamo un potenziale d’attacco importante ma, ogni gol, è frutto di un lavoro di squadra: prima di arrivare nella fase critica dell’azione vi è tutto un operazione che parte dalle retrovie permettendo poi, ad alcuni, di trovare la gloria personale. La squadra sta facendo un grosso lavoro ottenendo grandi risultati”.

Infine ha commentato la sfida di domenica prossima con il Certosa, fondamentale per la corsa ai play-off:

“Il Certosa è una squadra molto forte con un ottimo allenatore. Nella gara di andata ci ha messo molto in difficoltà portandosi, infine, a casa i tre punti. Forse in questo momento è superiore a noi però andremo ad affrontarli consapevoli del nostro valore. Loro hanno, come noi, un ottimo bomber, oltre ad un ottima squadra alle spalle che gli permette di realizzare tutti questi gol. Stiamo preparando la gara con molta attenzione per trovare il modo per vincere la partita ma non sarà facile. Sarà un bel match che vedrà di fronte due compagini che giocano un ottimo calcio”.

Riccardo Merlini

A qualche giorno di distanza dal match con l’Urbetevere, Mister Torretti ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla gara affermando che:

“C’è molto rammarico per il pareggio con l’Urbetevere. Noi siamo rimasti in dieci dal ventottesimo del primo tempo andando poi in svantaggio. Nella seconda frazione siamo riusciti a ribaltare il risultato e, dopo il gol del pareggio loro, c’è stato un fallo in area di rigore non fischiato dall’arbitro. Abbiamo dominato la partita pur giocando gran parte del match in inferiorità numerica e meritavamo sicuramente la vittoria. Questo pareggio da una parte ci ha si consentito di agganciare il Savio in classifica ma, dall’altra, ha permesso al Grifone Monteverde di avvicinarsi a noi”.

Con appena undici reti subite in ventuno giornate, il Certosa è senza ombra di dubbio la miglior difesa del torneo e l’arma in più della squadra nero-verdi. Soddisfatto dei numeri sin qui ottenuti, Torretti ha commentato il grande momento di forma della sua retroguardia:

“La fase difensiva è l’aspetto su cui lavoro di più. Stiamo facendo bene se si considera che, su undici reti, in sette di queste sono venuti fuori tre vittorie e un pareggio mentre le altre quattro hanno portato a delle sconfitte per uno a zero. Farci gol è difficile ed è la nostra arma migliore. Nonostante ciò abbiamo Demofonti come capocannoniere del torneo. Quest’anno il ragazzo è esploso  ed sicuramente un centravanti importate, con un gran tiro e una buona tecnica”.

 Infine ha commentato la sfida di domenica prossima, nella quale Certosa scenderà in campo, davanti ai propri tifosi, nel big match contro il Grifone Monteverde, in ritardo di una sola lunghezza rispetto ai padroni di casa :

“Il Grifone, oltre a Gingillo, ha altri giocatori importanti oltre ad un buon impianto di gioco. Sarà un confronto diretto molto importante e ci arriviamo, purtroppo, con qualche assenza di troppo tra infortuni e squalifiche ma, chi scenderà in campo, sarà pronto a dare battaglia. Di sicuro non deciderà tutto ma chi vincerà si avvicinerà di molto ai play-off”.

Riccardo Merlini

Ultimi Tweets

https://t.co/nY5WUMcLMr https://t.co/nY5WUMcLMr
#Giovanili #Under16Elite #Semifinale GSD NUOVA TOR TRE TESTE - Urbetevere Calcio 2-0... https://t.co/nJhkci1oUT
#Giovanili #Under15Elite #PlayOut Il Video di Albalonga Calcio - Polisportiva Ponte Di Nona 1-0... https://t.co/0ayS1p03Mz
Follow Fuoriarea.it on Twitter