Aprile 06, 2020
Riccardo Merlini

Riccardo Merlini

Mister Marinelli, al termine del match perso dai suoi ragazzi contro la Vigor Perconti, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul match odierno:

“È chiaro che, quando giochi contro delle grandi squadre, puoi soffrire qualcosa sull’approccio alla gara ma, al livello di partita, la squadra ha disputato un match importantissimo. Noi ci stiamo giocando la salvezza e oggi la differenza con la Vigor non si è vista, purtroppo siamo stati ingenui a concedere due gol su palla inattiva però sono contentissimo dei miei ragazzi perché hanno fatto un secondo tempo incredibile simile a quello con il Savio domenica scorsa dove siamo riusciti a recuperare il doppio svantaggio, oggi ci siamo andati molto vicini senza riuscire a trovare lo spunto decisivo. La nostra è una squadra fondata questa estate e riuscire a tenere testa alla prima della classe è sicuramente motivo di grande orgoglio”.

L’allenatore dell’Aurelio, inoltre, ha parlato anche della sfida salvezza di domenica prossima contro l’Ottavia, alla quale la sua squadra ci arriva in un ottimo stato di forma :

 “Con l’Ottavia sarà uno scontro diretto per la salvezza e non possiamo sbagliarlo ma sono molto fiducioso viste le partite da noi giocate recentemente. Non sempre la prestazione si accompagna con il risultato,come nel caso di oggi, ma nel 90% dei casi si e di sicuro disputeremo un grandissimo match”.

Infine ha voluto rassicurare sulle condizioni di Cala, uscito per infortunio ad inizio ripresa:

A Cala gli si annebbiata la vista, forse in seguito ad una botta in testa. Con la sua uscita abbiamo perso un pò di fisico in mezzo al campo ma, fortunatamente, siamo riusciti a sopperire con la tecnica di Costa che ci ha fatto uscire sempre con la palla al piede. Il ragazzo comunque sta bene e sarà a disposizione già dalla prossima domenica ”.

Riccardo Merlini

Allievi Elite, 20° giornata: la Vigor Perconti conquista un successo preziosissimo contro un ottimo Aurelio, capace di mettere in difficoltà anche i primi in classifica.

Non smette più di vincere la Vigor Perconti trionfante, anche oggi, sul campo dell’Aurelio al termine di una partita tirata e sofferta fino all’ultimo minuto di gioco. Per i blaugrana è il quinto successo consecutivo che gli permette di mantenere  ben salda la prima posizione in vista del big match di domenica prossima contro il Savio.

Moduli e idee di gioco diverse quelle scelte dai due allenatori oggi: Marinelli opta per il 4-5-1 con Bote unica punta e Costa ad agire alle spalle del centravanti per mettere in difficoltà la difesa avversaria con la sua abilità palla al piede; Miccio schiera i suoi ragazzi con il 4-3-3 per sfruttare al meglio le qualità del suo terzetto offensivo. Gli ospiti partono fortissimo portandosi immediatamente in vantaggio: su un cross dalla sinistra, il pallone arriva sui piedi di Pietrobattista che insacca il gol del uno a zero. I blaugrana cavalcano il momento positivo andando vicino al raddoppio con una bordata da fuori area di Carmignani parata da Filippo. Dopo aver sofferto per il primo quarto d’ora di gioco, l’Aurelio riesce a rendersi pericolosa con Cardoso che, dopo aver anticipato delle Monache su un lancio proveniente dalla difesa, tenta la conclusione sul primo palo centrando solo esterno della rete. La Vigor non si fa intimorire dal ritorno degli avversari e, alla mezz’ora, Savo, dopo aver vinto un rimpallo con il suo diretto avversario, scarica dietro per Carmignani che spara alto sopra la traversa. Si conclude il primo tempo dopo molte emozioni sul risultato di uno a zero.

Nella ripresa, in seguito ad un bellissimo lancio lungo di Costa al sesto minuto, Petroni effettua un pregevolissimo stop in area calciando, però, sul fondo. La Vigor regge benissimo agli attacchi del’Aurelio e,al ventiquattresimo, riesce a siglare la seconda rete grazie al colpo di testa di Coccia sugli sviluppi di un angolo battuto da destra. Proprio quando la partita sembrava chiusa, Bote riesce ad anticipare Marchini subendo fallo, in area, da quest’ultimo. Sul dischetto si presenta Costa che realizza il penalty piazzandola all’angolino alla destra del portiere. Rinvigorito dal gol, i ragazzi di Marinelli si gettano in avanti alla ricerca del pareggio e, dopo un calcio d’angolo al ventottesimo, Tagliaferri si ritrova la sfera sui piedi e, da posizione defilata, prova la conclusione sfiorando di poco la traversa. I padroni di casa continuano ad attaccare ma la banda di Miccio si chiude benissimo dietro, nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione di Rossi, portandosi a casa tre punti pesantissimi conto un avversario in gran forma e battagliero fino alla fine.

Riccardo Merlini

AURELIO FIAMME AZZURRE – VIGOR PERCONTI 1-2

AURELIO FIAMME AZZURRE (4-5-1): Filippo; Petroni, Dogali, Meluzio (25’stTagliaferri), Nicolai (37’st Santocono); Cardoso (44’st Giordano), Cala (9’st Pelillo), Piscopello Ciaglia (10’st Hanna), Costa; Bote. A disp: Allaj, Cinque. All. Marinelli

VIGOR PERCONTI (4-3-3): Marchini; Delle Monache, Beghdadi, Pietrobattista, Valentini; Rossi, Orsili, Giovannone; Doda (16’st Finucci), Savo (21’st Coccia), Carmignani (32’st Ruggiero). A disp: Pietrangeli, Turco, Fasolo, Pietri, Finnucci. All. Miccio

ARBITRO: Sig. Simone Nocente di Roma 1

MARCATORI:  5’pt Pietrobattista (V), 24’st Coccia (V), 26’st Costa (A) rig.

NOTE: ammoniti: Meluzio (A), Carmignani (V), Pietrobattista (V), Cardoso (A), Rossi (V), Marchini (V). Espulsi: Rossi (V) per doppia ammonizione.

Prima categoria, 16° giornata: Colpaccio esterno del Urbetevere che si impone, per 0-1, sul campo dell’Aurelio grazie alla rete di Montepaone nel secondo tempo.

Basta una sola rete, siglata ad inizio ripresa, all’Urbetevere per espugnare il “Don Calabria” e interrompere a nove la striscia di risultati utili consecutiva del Aurelio. Successo importante anche in chiave classifica che permette, ai ragazzi di mister Calabria, di staccare in classifica gli avversari odierni lontani ora tre lunghezze.

Mister Leonardi disegna un 4-3-3 per sfruttare le combinazioni del suo terzetto offensivo formato da Ruscio, Rubbenni e Petrillo. L’allenatore dell’Urbetevere risponde con il 4-4-2 a rombo schierando Cafarelli davanti alla difesa e  Anastasio dietro alle due punte. Proprio quest’ultimo, in ripartenza di seguito ad un angolo battuto dall’Aurelio, dopo uno scatto da centrocampo riesce a entrare in area ma la sua conclusione viene murata da Carloni in uscita. Pochi minuti più tardi, i padroni di casa rispondono con Greca che, da buona posizione,  calcia alto sopra la traversa. Su un cross dalla destra di Petrillo, Rubbenni riesce ad anticipare il suo marcatore calciando di punta non trovando, però, lo specchio della rete. Al ventiduesimo minuto Pagliari riesce a stoppare il pallone in area e a girarsi, ma la conclusione finisce sul corpo del difensore amaranto. Si chiude così un primo tempo divertente sul risultato di 0-0.

Dopo dieci minuti dall’inizio della ripresa, la squadra in maglia bianca riesce a portarsi in vantaggio con Montepaone, lestissimo a buttare in rete la sfera dopo la respinta corta di Carloni sul tiro Codilupi. A questo punto del match, i padroni di casa alzano il ritmo per riportare in equilibrio il punteggio e, al sedicesimo minuto, Petrillo centra una clamorosa traversa con un tiro-cross dalla sinistra che prende una stranissima traiettoria spiazzando anche Rondelli. L’Aurelio non si demoralizza continuando a mantenere il piede sull’acceleratore andando un’altra volta vicinissimo al pareggio con Marani, servito da un cross proveniente dal lato mancino dell’area, ma il terzino amaranto calcia male spedendo la palla sul fondo. Nonostante i continui attacchi dei padroni di casa, è l’Urbetevere ad avere l’ultima occasione della gara: su una punizione da destra, Coccia riesce a scavalcare la barriera  costringendo Carloni a un super intervento. Il match si conclude sul risultato di 0-1 per i padroni di casa e grandi meriti per questa vittoria, oltre a Montepaone per aver segnato il gol, vanno attribuiti a Sacchi, molto concentrato e insuperabile nel momento di maggior pressione dei padroni di casa.

Riccardo Merlini

AURELIO FIAMME AZZURRE – URBETEVERE 0-1

AURELIO FIAMME AZZURRE (4-3-3): Carloni; Marani, Floris, Tusa, Carosini (25’st Cerroni); Greca (1’st Cioccari), Giannini, Verdiglione (1’st Chavi); Ruscio (14’st Morelli), Rubbenni, Petrillo. A disp: Gresta, Pulanco, Fedillani. All. Leonardi

URBETEVERE (4-4-2): Rondelli; Lumaca (37’st Salchi), Pera, La Cesa, Sacchi; Caffarelli, Pagliari, Codilupi (35’st Spurno), Anastasio (39’st Calcaterra) ;Montepaone (26’st Policano), Di Pilato (6’st Coccia). A disp: Coccioletti, Alegiani. All. Calabria

ARBITRO: Sig. Federico Testa di Roma 1

MARCATORI: 10’st Montepaone(U)

NOTE: Ammoniti: Codilupi (U), Carloni (A).

Giovanissimi Elite, 20° giornata: L'Aurelio batte il Civitavecchia 3-1 presentandosi al meglio per la sfida di settimana prossima con L’Ottavia. Decisivo l'apporto dalla panchina di De Angelis, Barone e De Matteis.

Importantissima vittoria quella ottenuta oggi dall’Aurelio, sul proprio campo, contro il Civitavecchia giocando un buon primo tempo e sfruttando, soprattutto nella seconda frazione, le disattenzioni difensive avversarie. la squadra amaranto trova così il secondo successo consecutivo prima del filotto di partite contro le prime della classe che si aprirà, domenica prossima, sul campo dell’Ottavia.

Mister Frattali si presenta al match optando per il 4-3-3 con capitan Sottile nel ruolo di regista e il tridente d’attacco formato da Villa, Catarinozzi e Scarabotti. Oliviero risponde con il 4-4-2 affidando a Mastropietro il compito di organizzare le azioni offensive della sua squadra. Al nono minuto, su un disimpegno errato della difesa nero-azzurra, la sfera finisce sui piedi di Scarabotti che tenta la conclusione, da fuori area, senza trovare lo specchio della porta. La retroguardia litoranea traballa sin dai primi minuti e, su un rinvio corto della difesa intorno al quarto d’ora di gioco, Villa viene pescato da un compagno in area di rigore ed è freddissimo a realizzare il gol del vantaggio. I padroni di casa creano un altro pericolo dalle parti di Senserini con un calcio di punizione, battuto da Catarinozzi, sul quale riesce a incornare Tozzi mandando la sfera non lontano dalla porta. Al trentacinquesimo gli ospiti creano la prima occasione con Fastella che, in acrobazia, non colpisce benissimo la sfera mandandola sul fondo.

Nella ripresa il Civitavecchia, spronato negli spogliatoi dal suo allenatore, rientra in campo con un atteggiamento e una grinta diversi rispetto alla prima frazione e, al decimo minuto, riescono a riequilibrare il risultato grazie alla grandissima punizione, a scavalcare la barriera, di Sannino che lascia completamente di sasso Vivaldi. Nonostante la rete subita, l’Aurelio non si demoralizza chiudendo sul nascere tutte le azioni avversarie e, al ventitreesimo minuto, si porta nuovamente in vantaggio: in seguito ad una ripartenza ben orchestrata da De Agelis, quest'ultimo apre sulla destra dove trova tutto solo Barone che, a tu per tu con il portiere, non può sbagliare il punto del sorpasso. Pochi minuti più tardi la squadra amaranto sigla il terzo goal della giornata sfruttando l’errore di Pennacchieti il quale, con un retropassaggio, manda in porta De Matteis ed un gioco da ragazzi per l’attaccante dell’Aurelio realizzare la rete del 3-1. Prima della fine del match la retroguardia dell’Aurelio per la prima volta commette un errore dando la possibilità, a Luchetti, di accorciare le distanze ma la sua conclusione trova solo il fondo della rete. Alla fine la partita si chiude con il risultato di 3-1 con i padroni di casa che si portano a casa, meritatamente, i tre punti in palio quest’oggi grazie anche all’ottimo impatto del terzetto De Angelis-Barone- De Mattei, subentrati dalla partita e subito incisivi con due gol e un assist.

Riccardo Merlini

 

 

AURELIO FIAMME AZZURRE – CIVITAVECCHIA 3–1

AURELIO FIAMME AZZURRE (4-3-3): Di Maio (1’st Vivaldi); Lappa, Trinca, Tozzi, Mazzoni; Sottile (14’st De Angelis), Giuliani (29’st Vernaschi), Lavoro (25’st Cimaglia); Villa (14’st De Matteis), Catarinozzi (3’st Sarigu), Scarabotti (11’st Barone). All. Frattali

CIVITAVECCHIA (4-4-2): Senserini; Giordano (25’st Pennacchietti), Sudati, Fastella, De Martino; Sannino, Zagami, Mastropietro, Liberati ;Bonamano (14’st Crepaccioli), Muneroni (1’st Luchetti). A disp: Bracchi, Galimberti. All.Oliviero

ARBITRO: SIG. Kevin Lauricella di Roma 1

MARCATORI: 16’pt Villa (A), 10’st Sannino (C), 23’st Barone (A), 30’st De Matteis (A).

NOTE: ammoniti: Mastropietro (C), Catarinozzi (A), Zagami (C), Lucchetti (C).

Mister Vergari, deluso per la sconfitta arrivata nei secondi finali contro la Romulea, ha commentato così la partita:

“È difficile fare un commento adesso. La partita è stata equilibrata anche se, ad essere sincero, nel primo tempo hanno meritato più loro, poi nel secondo tempo abbiamo avuto diverse occasioni per fare gol ma non siamo stati abbastanza incisivi in area di rigore. Il problema è stato regalare la prima mezz’ora della partita ad una squadra che gioca bene a calcio e la sconfitta, alla fine dei conti, è giusta. Come avevo detto alla vigilia oggi, in qualsiasi caso, non sarebbe stata l’ultima spiaggia e ora ci metteremo testa a lavorare a testa bassa per preparare al meglio le sfide che mancano da qui alla fine del campionato”.

Riccardo Merlini

Al termine del match vinto per 1-0 contro il Savio, grazie alla zampata di Marotta allo scadere, mister Feroce ha analizzato così il match portato a casa dai suoi ragazzi:

“La vittoria è arrivata all’ultimo secondo dell’ultimo minuto, a volte il gol lo prendi, come è capitato con il Tor di Quinto, a volte lo fai come è successo oggi. Il match penso sia stato equilibrato dal punto di vista agonistico ma nel primo tempo si è giocato solo in una metà campo nella quale noi abbiamo creato diverse occasioni”.

L’allenatore si è inoltre soffermato sulla prestazione difensiva della sua squadra, che è riuscita a mantenere la porta inviolata contro il miglior attacco del torneo:

“Su l’uno contro Gaggeggi e Grimaldi sono stati molto bravi, ma sono stati altrettanto determinati i due reparti a non concedere molto spazio facilitando il lavoro dei due centrali contro una squadra di tutto rispetto e di livello alla quale faccio i miei complimenti. Loro sono stati bravi a vincere i duelli con i loro diretti avversari come lo sono stati in alcuni i casi i nostri attaccanti con i difensori avversari. Si ragiona, si vince e si perde di squadra”.

Riccardo Merlini

Juniores Elite, 20° giornata: La Romulea si porta a casa il match al fotofinish consolidando così la terza posizione. 

Doveva essere la partita clou del campionato juniores e le aspettative della vigilia sono state attese, con entrambe le squadre che c’è l hanno messa tutta per portare a casa un bottino ricchissimo. Alla fine, ad aggiudicarselo, è stata la Romulea grazie alla zampata vincente, a pochi istanti dal triplice fischio, di Marotta che permette ai suoi compagni di allungare in classifica sugli avversari odierni, il Savio, ora lontano nove lunghezze.

I due mister rimangono fedeli ai loro moduli e sistemi di gioco: Feroce manda in campo i suoi con il 4-3-3 per scardinare la difesa avversaria grazie alla velocità e alla qualità del suo terzetto offensivo, sostenuto dalla spinta costante sulle fasce di Grimaldi e Galli; Vergari invece opta per il 3-5-2 con l’obbiettivo di trovare il gol sfruttando le giocate di Gelpi oltre che la velocità e la freddezza di Mancini. Nonostante il maggior possesso palla dei padroni di casa nei primi minuti, è il Savio a creare la prima occasione del match sfruttando uno scambio, in realtà fortunoso, tra Mancini e Gelpi con quest’ultimo che calcia di prima intenzione non trovando però lo specchio della porta da posizione defilata. Gli amarantoro rispondono al decimo con il tiro-cross, dalla destra, di Grimaldi che sfiora il palo lontano.  Da un disimpegno sbagliato di Lanzeri, Belardo fa ripartire velocemente l’azione servendo Menniti, bravissimo a girarsi e a incrociare con il sinistro ma la palla esce di un soffio sul lato sinistro del portiere. Quest’ultimo è molto ispirato e, dopo un tunnel ai danni di Passeri, mette in mezzo la sfera con un velenosissimo rasoterra sul quale si avventa Pellegrino calciando alto sopra la traversa. A dieci minuti dal termine sono gli ospiti ad andare vicino al vantaggio: sugli sviluppi di una velenosissima palla persa da parte di Galli, Fabrizi trova in area di rigore Mancini che calcia sul primo palo trovando solo l’esterno della rete.

Nella ripresa la squadra in maglia blu, dopo un primo tempo giocato in ripartenza, decide di alzare il baricentro e il ritmo per portare a casa i tre punti. Al sesto minuto, in seguito ad un lancio lungo dalla retroguardia, Gelpi, dopo averla stoppata di petto, tenta di piazzare la sfera sul secondo palo ma la conclusione muore al lato di Arsene. La Romulea, dopo un inizio sofferto, risponde intorno al quarto d’ora di gioco con una botta di capitan Sarmiento che centra in pieno la traversa. Al diciottesimo gli ospiti creano l’occasione più pericolosa del match con Mancini che, pur anticipando il portiere avversario su un traversone di Podda, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta.  Venti minuti più tardi  Menniti mette un'altra volta in difficoltà la difesa avversaria con una percussione e, una volta entrato in area, prova a sorprendere l’estremo difensore avversario con uno scavetto ma Mancini e bravissimo a murare la conclusione del numero sette in uscita. Con la gara che ormai sembra essere destinata a finire a reti bianche, nell’ultimo istante di gioco Potenza mette al centro un cross rasoterra da sinistra con il quale trova Marotta, solissimo in area di rigore, che deve solo appoggiare la palla in porta permettendo alla sua squadra di aggiudicarsi la vittoria, al termine di un match equilibrato nel quale i padroni di casa sono riusciti a mantenere inviolata la propria porta, contro il miglior attacco del campionato, grazie anche all’ottima prestazione di Gaggegi e Minelli, attentissimi per tutti i novanta e oltre minuti e insuperabili nell’uno contro uno.

Riccardo Merlini

  

ROMULEA – SAVIO 1-0

ROMULEA (4-3-3): Arsene; Grimaldi, Gaggegi, Minelli, Galli; Luccitti, Belardo, Falanga(38’pt Turchetti); Menniti (46’st Potenza), Sarmiento, Pellegrino (23’st Marotta). A disp: Di Rauso, Piermattei, Vitiello, Lucentini. All. Feroce

SAVIO (3-1-4-2): Mancini Gabriele; Passeri, Sebastianelli, Lanzeri; Scartocci; Troiano (19’st Canepa), De Masi (9’st Nicosanti), Podda (46’st Maroune), Fabrizi (1’st Ingrosso); Gelpi, Mancini Giordano (35’st Volpe). A disp: Moli, Chiusolo. All. Vergari

ARBITRO: Sig. Andrea Giordani di Aprilia

MARCATORI: 52’st Marotta (R).

NOTE: ammoniti: Minelli (R), Passeri (S), Scartocci (S).

Terza vittoria consecutiva per la Lupa Roma di Panico nella 20° Giornata del Campionato Allievi Elite Fascia B, Girone B. Dopo Racing Club e N. Tor Tre Teste a cadere è l'Albalonga a domicilio, 1-2 il punteggio finale con Garau in apertura e l'autorete di Silvetti per il raddoppio. Padroni di casa che dopo il gol di Gagliardi giocano una ripresa tutta nella metà campo avversaria, colpendo due traverse e in superiorità numerica. Tre punti pesanti dunque, con Albalonga di Talarico che chiude il match con una buona dose di sfortuna.

Lupa Roma che ha il merito di partire forte, cosi come fatto al Pineta dei Liberti la compagine di Panico, gioca buoni 10 minuti nella metà campo avversaria, con un pressing che paga. Al 7' è Garau a portare in vantaggio gli ospiti, mentre al quarto d'ora da angolo uscita intempestiva di Testa, poco prima infortunatosi e Silvetti trafigge la propria porta, 0-2. Il match sembra già chiuso, ma i padroni di casa reagiscono e trovano l'1-2 con una perla di sinistro su punizione di Gagliardi al 23'. Da qui in poi nasce un'altra partita, con Albalonga all'attacco alla ricerca del pari. Due le opportunità prima dell'intervallo, con soprattutto Balistreri fermato al 42' da Minati in uscita.

Nella ripresa il pressing dei padroni di casa si fà ancora più assiduo e al 7' prima opportunità con Iorizzo dopo corner, mentre al 9' la Lupa Roma resta in 10, con Punchielli mandato anzi-tempo sotto la doccia per proteste. Al 17' è De Meo ad avere l'opportunità per il pari, ma Albalonga che si scopre troppo e al 22' Mossini lanciato in area fallisce il tris ospite. Finale con il tutto per tutto e al 26' ecco la traversa a portiere battuto di Giorgilli da azione d'angolo, sulla respinta fallisce il tap-in Gasperini. Alla mezzora altro montante colpito stavolta da Aspri, mentre ultimo brivido nel recupero quando ancora Minati toglie le castagne dal fuoco sullo stesso numero 10 dei padroni di casa. Dopo cinque di recupero il match termina qui.

Riccardo Merlini

ALBALONGA - LUPA ROMA 1-2

ALBALONGA: Testa, Scarsella (14'st Grazioso), Billini, Gasperini, Giorgilli, Silvetti, Balistreri, Gagliardi, Iorizzo, Aspri, Pinciaroli (1'st De Meo). A disp.: Pagano, Maura, Suozzi, Colasante, Compagnucci. All.: Talarico.

LUPA ROMA: Minati, Pelletier, Punchielli, Luisi, Murano (1'st Maresi), Argiolas, Aurelj (32'st Prospero), Gennari, D'Angelo (14'st Mossini), Garau, Giacinti. A disp.: Pontesilli, Valentini, Migliore, Iaccarini. All.: Panico.

ARBITRO: Matteo Pernarella di Ciampino

MARCATORI: 7'pt Garau (Lr), 14'pt Silvetti (Aut.) (Lr), 23'pt Gagliardi (Al)

NOTE: Al 9'st Espulso Punchielli (Lr), per proteste. Ammoniti: Aurelj, D'Angelo, Scarsella, Mossini.

Mister Vergari, a pochi giorni dal big match contro la Romulea, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul cammino dei suoi ragazzi sin qui intrapreso in campionato:

“Ad inizio stagione abbiamo faticato molto sia a livello di risultati che di gioco, probabilmente a causa delle difficoltà della squadra nel capire i movimenti e gli schemi del nuovo modulo. poi fortunatamente siamo riusciti a far quadrare il tutto e i ragazzi sono riusciti a tirare fuori le loro qualità tecniche che sono molto buone”.

Inoltre si è soffermato anche su Mancini, il goleador della squadra.

“Giordano è stato il capocannoniere del nostro girone l’anno scorso  con ventisette reti. Nelle prime giornate del campionato non riusciva a trovare la via del gol ma, una volta sbloccatosi, ha ricominciato a segnare con continuità. È  un giocatore soprattutto di area che, negli ultimi cinque metri, trova il gol molto facilmente. Avendo fatto questa categoria l’anno scorso ne è avvantaggiato dal punto di vista dell’esperienza e, quando trova di fronte delle difese lente, riesce a metterle in crisi con la sua velocità. Anche Canepa e Geppi hanno fatto molto bene e ci possono dare, insieme a Chiusolo e Guidarelli, una mano nell’ultima parte della stagione”.

Infine ha parlato anche del match di sabato che vedrà i suoi ragazzi impegnati sul campo della Romulea in una sfida di alta classifica:

“Loro sono terzi in classifica e,comunque vada, rimangono terzi. È una partita importante ma non è un ultima spiaggia, ci sono ancora moltissime partite da giocare. Sarà un match molto bello perché sono due squadre che giocano benissimo a calcio. Sin dall’ inizio del campionato avevo detto che la Romulea era una squadra ben attrezzata con un allenatore, Feroce, che fa sempre giocare bene le proprie squadre. Sarà sicuramente una gara molto entusiasmante e divertente nella quale potrà succedere veramente di tutto”.

Riccardo Merlini

Con il campionato che ha già effettuato il giro di boa, mister Palumbo ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al percorso svolto sin qui dalla sua squadra:

“Il bilancio è molto positivo sotto tutti i punti di vista . I ragazzi stanno lavorando con tanta voglia e sacrificio e, quest’ultimi, vengono sempre ripagati con i risultati ottenuti sul campo. Sono stati bravi, in queste settimane, a recepire ogni ordine crescendo molto anche come gruppo dal momento che è una squadra nuova con solo otto giocatori confermati rispetto all’anno scorso. Non è stato facile assimilare il tutto con metodi di allenamento tecnico molto duri”.

Infine ha commentato il tris di partite che vedranno impegnati i suoi ragazzi rispettivamente con Savio, Ostia Mare e Romulea affermando che:

“Per il momento penso solo al Savio. Prepareremo nel migliore dei modi la sfida, sapendo di andare ad affrontare una delle squadre più forti del Lazio ma il calcio è imprevedibile, a volte  la grinta, la cattiveria e l’umiltà compensano la bravura tecnica. Contro il Ladispoli siamo scesi in campo con queste tre caratteristiche portando a casa un risultato molto importante su un campo difficilissimo. Dobbiamo avere continuità con queste tre componenti per allontanarci dalla zona playout, nella quale stavamo dentro fino alla settimana scorsa, per non soffrire fino all’ultima giornata”.

Riccardo Merlini

Ultimi Tweets

https://t.co/nY5WUMcLMr https://t.co/nY5WUMcLMr
#Giovanili #Under16Elite #Semifinale GSD NUOVA TOR TRE TESTE - Urbetevere Calcio 2-0... https://t.co/nJhkci1oUT
#Giovanili #Under15Elite #PlayOut Il Video di Albalonga Calcio - Polisportiva Ponte Di Nona 1-0... https://t.co/0ayS1p03Mz
Follow Fuoriarea.it on Twitter