Dicembre 12, 2018

Under 14 A, il Punto: Urbe e Ostia si candidano, Ottavia e Grifone fantastiche sorprese

Quarto turno di campionato per la categoria Under 14 che, seppur sotto la pioggia, sabato scorso è scesa in campo dandoci conferme e sorprese da analizzare.

URBETEVERE e OSTIAMARE le AVVERSARIE della LAZIO?

Il rinvio della gara casalinga della Lazio di Tommaso Rocchi contro la Totti S. S. ha aperto la strada del primo posto a Urbetevere e Ostiamare, ora a punteggio pieno.

Fermo restando che la Lazio, doverosamente, resta la favorita (e sarebbe strano il contrario), per conquistare il primo posto nel Girone, c’è da notare però come almeno un paio di formazioni sembrano avere le carte in regola per dare filo da torcere ai biancocelesti. Partiamo da una conferma, l’Urbetevere di Cicchetti. Che fosse una squadra vera lo si era capito al Serilli, dove aveva centrato la finale proprio ai danni dei biancocelesti, ma la prova di forza messa in campo in casa della Romulea ha segnato un ulteriore tassello in favore dei gialloblù. Il 7 a 1 fa scalpore, ma segue di fatto quanto di buono fatto vedere già nei primi turni, parliamo di una squadra che gioca a calcio, con elementi di assoluta qualità e fisicamente strutturata, tutto quello che serve, insomma, per farsi valere in questa categoria. Il ruolino, fino ad ora, è impeccabile così come lo è quello dell’Ostiamare. La squadra biancoviola ha superato una delle big della categoria, la Lodigiani, cogliendo il quarto successo in quattro giornate e non può essere un caso. 13 gol fatti e 2 subiti rendono l’idea della forza di una squadra che sembra avere tutto per puntare dritta ai play-off.

OTTAVIA e GRIFONE MONTEVERDE: le sorprese

Due le sorprese nelle prime posizioni di questo campionato: Ottavia e Grifone Monteverde.

La formazione di Roma Nord continua a stupire centrando la terza vittoria in quattro partite, un ruolino invidiabile se consideriamo che l’unica sconfitta è arrivata contro la Lazio, seppur con un passivo pesante. La vittoria di sabato scorso, però, ha confermato anche la forza di una squadra capace di vincere in casa dell’Accademia, non certo l’ultima arrivata, con caparbietà. Tra le sicure sorprese il Grifone Monteverde. Sette punti conquistati in 4 giornate potrebbero sembrare un bottino buono ma non eccezionale, ma se si va ad analizzare contro chi sono stati fatti questi punti il giudizio, necessariamente, cambia. La squadra di Maffei, infatti, nelle prime quattro giornate ha affrontato nell’ordine Lodigiani, Urbetevere, Savio e Vigor Perconti, praticamente tutte le big del girone eccezion fatta per Lazio e Ostiamare. Uscire da questo primo mese con 7 punti in cascina equivale, a mio avviso, ad uno scudetto, soprattutto perché nella gara persa contro l’Urbetevere la formazione di Maffei non ha certo meritato la sconfitta.

SAVIO, LODIGIANI e LADISPOLI: CI SIETE ANCHE VOI?

Tra le big due formazioni, con alterne vicende, sono ancora tra color che son sospese, tra l’altissima classifica e la zona grigia, intermedia. I blues, con 8 punti in 4 giornate, hanno ottenuto un discreto bottino accumulando però qualche punto di ritardo dalle primissime posizioni (dando per scontata la vittoria della Lazio nel recupero). Se la formazione di Via Norma vorrà battagliare per i play-off occorrerà un cambio di ritmo anche perché, le prime, di certo non si fermeranno facilmente. Discorso in parte diverso per la Lodigiani, ferma a quota 6. La squadra biancorossa ci aveva abituato ad altre partenze e prestazioni in questo tipo di campionato e le due battute di arresto contro Grifone Monteverde e Ostiamare hanno palesato qualche limite. Il tempo, chiaramente, è tutto dalla parte della squadra casilina ma è certo che bisognerà invertire la tendenza se si pensa che, per ora, si tratta dell’unica big con una differenza reti al passivo con 8 gol fatti e ben 9 subiti, di cui 6 soli nella gara contro il Grifone.

Chi invece sta disputando un torneo di ottimo livello, fino ad ora, è il Ladispoli di Ferrari, l’uomo che portò i tirrenici ad un passo dal tricolore con l’allora squadra di Falcetta e Scaramozzino. Sette punti presi e una sola sconfitta sul campo dell’Urbetevere sono le basi per poter ben sperare e attestarsi nelle zone che contano da qui alle prossime giornate.

GRANDI IN RITARDO: VIGOR, ROMULEA e ACCADEMIA

Tra le big del campionato un paio, al momento, non hanno ancora dato segnali confortanti. Appaiate a quota tre in classifica, Romulea e Vigor Perconti sono in ritardo anche se, forse, con contenuti diversi. Le difficoltà della Romulea erano apparse evidenti già nel prologo del Torneo The Finals, quando la squadra per struttura fisica aveva faticato, uscendo al primo turno con diversi gol al passivo. Diverso, invece, il percorso della Vigor, che aveva fatto intravedere ottime cose. Sul campo, in campionato, gli amaranto oro hanno replicato quanto già fatto vedere, ed il 7 a 1 interno di sabato scorso con l’Urbetevere inizia a essere una conferma importante.  

La Vigor, invece, dopo la sconfitta all’esordio con la Lazio, preventivabile, si era subito rimessa in carreggiata battendo in trasferta l’Accademia, salvo poi fallire i due scontri successivi. A fare da attenuante, in questo caso, c’è sicuramente il calendario che ha poi messo davanti ai blaugrana Ladispoli e Grifone Monteverde, due formazioni che faranno sicuramente parlare di loro in futuro, però è indubbio che vederla al terzultimo posto, seppur in coabitazione con diverse altre squadre, fa specie per lo spessore e la capacità della società.

Penultima, ed è la terza grande chiamata ad un riscatto, è l’Accademia Calcio Roma. Dopo aver battagliato lo scorso anno fino all’ultima giornata con la N. Tor Tre Teste per un posto nei play-off, in questo torneo era lecito attendersi una conferma per la formazione di via di Settebagni. Un solo punto conquistato in quattro giornate, chiaramente, non può essere soddisfacente anche se, chiaramente, il tempo è tutto dalla parte dei nerazzurri che avranno ampi margini per tornare alle posizioni che gli competono per blasone e forza.

Alessandro Grandoni

Rate this item
(0 votes)
Alessandro Grandoni

Direttore Responsabile ed Editoriale di FuoriAreaWeb.it e CalcioNazionale.it.

Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione con indirizzo Giornalismo presso La Sapienza di Roma, Giornalista Pubblicista da Luglio 2005, ha collaborato in passato con varie testate giornalistiche sportive come il Corriere dello Sport, Radio Incontro, Radio Spazio Aperto e Rete Sport. 

Ultimi Tweets

#Giovanili #Under14Elite https://t.co/RqFpyuXrFi
#Giovanili #Under16Elite https://t.co/2qGpziBeTs
#Giovanili #Under19Elite https://t.co/wqELn3brMt
Follow Fuoriarea.it on Twitter