#ilcalciochevorrei | Gli Allenatori e quella regola assurda per cui non si può allenare più di una squadra a stagione..
Agosto 20, 2018

#ilcalciochevorrei | Gli Allenatori e quella regola assurda per cui non si può allenare più di una squadra a stagione..

Tocchiamo oggi un argomento caro a molti allenatori della nostra regione, e non solo. Di cosa parliamo? Della famosa normativa, celebre a livello nazionale per i mister delle società di Serie A e B, che riguarda l'impossibilità, per un tecnico che ha iniziato in panchina con una squadra, di poter allenatore un'altra formazione in caso di esonero o dimissioni. Se questo ha un minimo senso, ma minimo, a livello di top club e top allenatori, la stessa cosa non si può certo dire per dilettanti e settore giovanile. In Serie A, infatti, se un allenatore viene esonerato alla seconda o terza giornata, ad esempio, è costretto a dover guardare il resto della stagione da casa, impossibilitato ad allenare un'altra formazione. Questo, chiaramente, è un grande impedimento per la passione e la voglia di lavorare e migliorarsi di ogni tecnico trovando nuove sfide, ma quanto meno è garantito dal punto di vista economico. In caso di esonero, infatti, il tecnico in questione pur non potendo più allenare, ha di fatto garantito il suo stipendio fino al termine del contratto. 

 

Cosa accade invece nei dilettanti e nel settore giovanile? Accade che, come spesso succede, la norma che va bene per la categoria maggiore non può, evidentemente, andar bene per un mondo di dilettanti, ma chiaramente ci vuole uno sforzo intellettivo troppo alto per poter comprendere che qualcosa andava fatto da diverso tempo. Il tecnico infatti di settore giovanile o di una squadra dilettante, deve sottostare alle stesse norme che riguardano i professionisti, con molte differenze però. 

In primis trattiamo l'aspetto economico: qui non ci sono contratti ed il più delle volte neanche rimborsi spese (o meglio delle volte sono promessi ma poi arrivano fino a dicembre e non oltre), il tecnico che viene esonerato per decisione della società, giusta o meno, non ha praticamente la possibilità di andare ad allenare da nessun altra parte, e quindi di prendere anche un pur minimo compenso che nei dilettanti spesso fa la differenza in una famiglia, per una stupida regola. Caduta quindi la prima motivazione, che nei professionisti comunque consente ad un allenatore di dormire sonni tranquilli, economicamente parlando, passiamo alla seconda, che consideriamo anche più importante. 

 

E' un dato di fatto che chi fa l'allenatore in queste categorie e livelli, il più delle volte non lo fa per un aspetto economico, ma semplicemente mosso da una grande passione. Può esserci l'ambizione di arrivare, un giorno o l'altro, nel grande calcio, oppure semplicemente la voglia di insegnare calcio ai ragazzi, di insegnare valori, di confrontarsi, misurarsi, migliorarsi. La norma, però, toglie tutto questo ai tecnici. Un allenatore ad esempio di settore giovanile, che inizia il lavoro con una squadra e che, spesso, dovrebbe essere scelto per la filosofia che porta e non per i risultati, si può trovare dopo poche giornate senza squadra. Tanti, troppi, sono i casi di società che dopo poche giornate decidono di esonerare un tecnico che però, a quel punto, è costretto a stare fermo fino a fine stagione, in attesa di una nuova occasione (cosa che invece non è preclusa ad operatori sanitari, medici sociali e preparatori atletici, Regolamento del Settore Tecnico, Parte II, Art. 38). 

Una norma, questa, che andrebbe decisamente rivista, soprattutto per le categorie inferiori, in fondo non sono dilettanti sono quando fa comodo.

Alessandro Grandoni

 

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Martedì, 26 Giugno 2018 10:01
Alessandro Grandoni

Direttore Responsabile ed Editoriale di FuoriAreaWeb.it e CalcioNazionale.it.

Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione con indirizzo Giornalismo presso La Sapienza di Roma, Giornalista Pubblicista da Luglio 2005, ha collaborato in passato con varie testate giornalistiche sportive come il Corriere dello Sport, Radio Incontro, Radio Spazio Aperto e Rete Sport. 

Ultimi Tweets

#promozione, cinquina della Pro Calcio Tor Sapienza al Asd Polisportiva Sant'Angelo Romano 1970 https://t.co/LndFPgcRip
Calendari Eccellenza, Promozione e Juniores Elite: oggi alle 18.30 la presentazione https://t.co/B7bdedIM7N
https://t.co/pE6qQEcxeX
Follow Fuoriarea.it on Twitter