Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

San cesareo vincenteUn San Cesareo come fosse una viperaSornione quanto basta, ma pronto a colpire con ripartenze velenose. Un Terracina si spuntato, ma incapace specie nella ripresa, di costruire veri pericoli alla porta difesa da Mater. E se come diceva un certo Antonio De Curtis, in arte Totò è la somma che fà il totale, San Cesareo batte Terracina sul neutro di Fondi per 1-2.

 

 

 

Le reti tutte nella ripresa, frutto appunto di una squadra ospite pronta a colpire con freddezza, sugli errori fatti dai tigrotti e cosi, è Siclari l'eroe dei ragazzi di Ferazzoliman of the match e trascinatore del San Cesareo, che prosegue la sua strada verso la Legapro. Per il Terracina invece, errore di Agovino ad inizio ripresa, con l'inserimento di Fava, togliendo un centrocampista e stagione, ora finita per davvero. Con il tecnico e la proprietà dei tigrotti, che dovranno decidere se continuare, la strada insieme.

Pronti-via e subito emozioni, con il San Cesareo a partire forte. Sette giri di lancette e occasione, un attimo dopo è il portiere di casa a sventare. Terracina che però risponde, con Oggiano al 12' e al 15', con Matera a sventare una difesa ospite che si salva piuttosto in affanno. Poi, i padroni di casa calano il ritmo, volontariamente abbassando il giro del pallone, il San Cesareo da par suo, sbaglia spesso l'ultimo passaggio e il primo tempo è in pratica sonnecchiante. Al 29' ci prova Foderaro, ma tiro non impossibile e Terracina che controlla agevolmente, ultima occasione è su calcio d'angolo per i tigrotti, ma la difesa ospite controlla e su un tiro di De Paolis, vanno tutti negli spogliatoi.

Se la prima frazione non ha offerto spunti, la ripresa dovrà essere tutta un altra cosa. Perchè il tempo di ragionare non ce n'è più. Agovino come dettotoglie un esterno Falco inserendo Fava, l'ex Udinese punta centrale si fà vedere subito e ci vuole un grande Matera per deviare in angolo. Ma le controindicazioni del cambio arrivano altrettanto velocementeSettimo giro di lancette, palla persa a metà campoSiclari parte sulla zona ora poco coperta e con una staffilata sul primo palo, insacca, 0-1 e San Cesareo in vantaggio.

Il Terracina non ci sta e riparte a mille allora, producendo in reazione almeno quattro palle gol. Tre sono per Fava al 10', poi al 13' e un attimo dopo, ma Matera è pronto e sventa. Un minuto dopo è Vitale dalla distanza, fuori non di molto. Ma la pressione da i suoi frutti e al 23' i tigrotti pervengono al pareggio. Palla sulla sinistra, cross in area di rigore che Olivieri controlla maldestramente con un braccio. Non ci sono dubbi è penalty, con cartellino giallo per il numero 2 di Ferazzoli. Dal dischetto si presenta Genchi che non sbaglia, 1-1 ed equilibrio ristabilito.

Ma la squadra di Agovino, commette un altra volta lo stesso errore precedente. Si placa, invece di continuare con il pressing per tenere almeno a distanza, l'attacco di Ferazzoli. Che nel frattempo ha inserito il suo numero 20, Del Vecchio. Al 31' infatti, il San Cesareo fà scacco matto, altro errore in disimpegno del Terracina, Del Vecchio prende il possesso della sfera e si beve mezza difesa, sull'esterno mette un pallone troppo comodo per Siclari, che a rimorchio non può sbagliare, 1-2 e stavolta i giochi sono chiusi. Perchè il Terracina non ne ha più davvero in corpo, per reagire di nuovo e perchè il numero 11 di Ferazzoli, in ripartenza può fare ancora male, se allo scadere non ci pensa Teoli, per due volte a impedire l'hattrick. Cosi, il forcing finale è controllato agevolmente e dopo cinque minuti, anche per il direttore di gara può bastare. Il San Cesareo va avanti, per il Terracina il 2013/2014finisce qua.

TERRACINA - SAN CESAREO 1-2

TERRACINA: Teoli, Bernisi, Madeddu (35' st Miele), Costantino, Varchetta, Sbardella, Oggiano (24' st Serapiglia), Falco (1' st Fava), Genchi, Vitale, Nuvoli. A disp: Moro, Botta, Bucciarelli, Ostieri, Marra, Di Paolo. All. Agovino

SAN CESAREO: Matera, Olivieri, Bernardi, Gessi, D'Ambrosio, Galluzzo, Fiore, Ramacci, Foderaro (19' st Del

Vecchio), De Paolis (40' st Felici), Siclari. A disp: Castagnaro, Tarantino, Campanella, Cerro, Stazi, Fischietti, Longobardi. All. Ferazzoli. 

ARBITRO: Mantelli di Brescia. 

AMMONITI: Gessi ( C ), Olivieri ( C ).

MARCATORI: 7' st Siclari ( C ), 23' st rig. Genchi (T), 31' st Siclari ( C ).

 

                       

                                                                                                                                  Fabrizio Consalvi

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it