A poco meno di un mese dal termine delle iscrizioni al campionato di serie D, ancora nessuna novità per Sora e Isola Liri, impegnate in problematiche diverse riguardanti il loro futuro.

Più delicata la posizione del Sora che, oltre all'incognita societaria, è alle prese con una guerra tra proprietà, da una parte, e amministrazione comunale, dall'altra, con i tifosi, nel mezzo. La società, per voce del presidente Andrea Pecorelli, ha reiterato la sua richiesta di avere in gestione lo stadio Claudio Tomei, non ricevendo ancora risposta dal sindaco Ernesto Tersigni, il quale, invece, aveva condizionato la concessione dell'impianto di via Sferracavallo alla conoscenza dei bilanci societari, cosa che, secondo le parole di Pecorelli, non è di competenza dell'organismo cittadino, bensì degli enti di controllo della Lega nazionale dilettanti. Sempre Pecorelli, intervistato da una radio locale, ha ribadito la volontà, nel caso di non concessione dello stadio Tomei, di far allenare e giocare le partite di campionato alla squadra in un impianto fuori provincia, menzionando il Francesca Gianni di Roma, lo stadio Fiore di Marino oppure quello di Grottaferrata. Sempre secondo le parole dell'attuale numero uno bianconero, che ha garantito che il Sora si iscriverà al prossimo campionato, sarebbe già fissata la sede del ritiro in quel di Chianciano Terme, dal 1° al 13 agosto.

In realtà ci sono alcuni grossi scogli da superare prima dell'iscrizione, ovvero le posizioni debitorie delle stagioni passate, che andranno sistemate, pena la non iscrizione alla prossima stagione. Prima tra tutte la vertenza dell'ex allenatore Gigi Castiello (campionato 2011/12), al quale vanno corrisposti circa 20mila euro prima dell'11 luglio. Oltre a questa sarebbe in scadenza (30 giugno) la vertenza dell'ex giocatore Lucchese (stagione 2012/13), la quale, se non dovesse essere saldata, porterebbe ad un -1 in classifica nel prossimo campionato. In più, nel futuro prossimo, dovrebbero arrivare altre vertenze, sempre riguardanti la stagione 2012/13, quella della gestione di Augusto Pomi, e cioè quelle degli ex giocatori Pastore e Barone. Insomma, i nodi del passato vengono ora al pettine, ingarbugliando ancor di più una matassa già problematica di suo. I tifosi, o almeno una parte di loro, hanno preso una posizione contraria a Pecorelli e per domani sera alle 22 hanno organizzato un sit-in in piazza Santa Restituta. Sullo sfondo anche il fallimento della trattativa tra lo stesso Pecorelli e una cordata di imprenditori campani, che poi hanno dirottato il proprio interesse nei confronti della Battipagliese, anch'essa società di serie D. Anche in questo caso botta e risposta di comunicati e smentite tra il presidente Pecorelli e il mediatore della suddetta trattativa, l'agente Fifa sorano Tony Iafrate.
Passando all'Isola Liri l'unica certezza fino ad ora è l'addio di mister Sandro Grossi, che nella prossima stagione tornerà ad allenare il Cassino, fresco di promozione nel campionato di Eccellenza, dove lo dovrebbero seguire il difensore Terra e l'attaccante Caligiuri. Per sostituire Grossi sarebbero stati già sondati alcuni allenatori, tra i quali sarebbe in pole position Alessio Ciardi, ex di Monte S. Giovanni Campano e Vis Artena.

FONTE: ilmessaggero.it

FuoriAreaWeb.it - Tutti i diritti riservati - 2015  - redazione@fuoriarea.it